vai al contenuto della pagina
|

LE CHIAVI DEL CAMBIAMENTO
Le nuove frequenze della consapevolezza
Le nuove frequenze della guarigione

|



MESSAGGI DI SRI BHAGAVAN 2011

Tradotti da Ambra Gianola, Andrea Palomba, Angela La Fortezza, Carlo Galbiati, Simonetta De Robertis







Visita i siti della Oneness University:

Oneness University

The Oneness Meditation





SRI BHAGAVAN SPIEGA COME INTERPRETARE I SUOI INSEGNAMENTI

DOMANDA: Bhagavan, il tuo insegnamento sembra sempre farmi vedere come io non sono ciò che insegni. Come mi risveglierò all'unità?

SRI BHAGAVAN: Non sei come nessuno dei miei insegnamenti, è per questo che io li insegno al primo posto! (Sorride e benedice). Lo stesso insegnamento è molto molto semplice. Tutti gli insegnamenti dicono che NON PUOI CAMBIARE! E l'impossibilità di cambiamento deve colpirti come una tonnellata di mattoni ...

Ma tutto il problema con te è per tutto il tempo hai cercato di cambiare. Non ti piace il modo in cui sei e vorresti essere qualche altra cosa. Questo è il problema.

L'insegnamento è molto semplice. Tutto ciò che dice è: "Qualcosa sta succedendo lì .. per favore .. osservarla ". Non la condannare. Non la giudicare. Non dare spiegazioni. Non dire che è giusta o sbagliata. Buona o cattiva. Sacro e Profano… smetti di dare un nome a tutto! Se smetti di dare un nome a ciò che accade in te come la gelosia, la rabbia, l'odio come l'egoismo… in realtà cominci a "vedere".

Ora il problema è che stai immaginando di pensare .. ma se VEDI, qualcosa sta per accadere. Stai per essere risvegliato. Stai per essere illuminato e quel genere di cose. Ora quello che devi capire è che "vedere è il risveglio", che "vedere è l'illuminazione". Questo è essere tutto e la fine di tutto. Non c'è più niente. L'unico problema con te è: NON VEDI! Questo è tutto! Se inizi a VEDERE, non c'è nessuno che guarda.. se n'è andato! C'è solo il VEDERE. Non c'è colui che guarda, né il visto. C'è solo il VEDERE. E questa è la meditazione, che è l'illuminazione, che è il risveglio, che è la consapevolezza .. è tutto.

Ma purtroppo commetti un errore, inizi a VEDERE, ma non ti fermi qui. Tu ti aspetti che succeda qualcosa. Così VEDI che desideri subire una trasformazione! Nulla di tutto ciò accadrà! Nel momento in cui inizi a VEDERE, ciò che stai vedendo è tutto ciò che c'è! Inizi a Vivere .. Fai esperienza della realtà così com'è ..

Potrei continuare a parlare sempre di più, ma le mie parole si trasformerebbero in concetti! Quindi io non ho intenzione di sprofondarti nei concetti, quindi mi fermo qui. Lo scoprirai da solo!

Quando meditiamo, quello che voglio fare è .. Ho intenzione di aiutarti a "vedere".. è tutto! Una volta che VEDI sta a te. Potrai scrivere libri su questo! Potrai scrivere 10 volumi su questo. Sta a te!

traduzione dal video: http://www.youtube.com/watch?v=48jFllOkKY0&feature=channel&list=UL





SRI BHAGAVAN: LE 7 VERITA' PER ESSERE LIBERI DALLA SOFFERENZA

1. Ogni cosa viene da un'unica sorgente. Potrebbe essere Dio o Energia. Non c'è inizio o fine della vita.

2. Se tu identifichi questa sorgente, non farai più differenza tra buono, cattivo, giusto o sbagliato. Tutte queste cose sono nostri punti di vista. Ogni cosa viene da un'unica sorgente.

3. La vita non è altro che una ricerca del "Sé". Nella tua vita le cose che ti succedono, la gente che vedi, ogni cosa è un riflesso del tuo "Sé". Se soffri di povertà, significa che c'è qualcosa di sbagliato in te. Lo devi correggere per poter uscire dalla tua povertà. Se hai odio, chiunque tu incontri avrà quella stessa qualità. Se hai pensieri malevoli, anche le persone che incontrerai li avranno. Quindi innanzitutto cerca di capire te stesso/a.

4. Renditi conto che qualsiasi cosa di cui tu fai esperienza in questa Vita avviene per grazia di Dio. Supponiamo che tu scivoli mentre cammini, cerca di capire che anche quello avviene per grazia di Dio. Se tu vedi Dio in ogni cosa la tua vita diventa stupenda.

5. Renditi conto che ogni cosa di cui fai esperienza in questa tua Vita è semplicemente una "prova" che Dio ti dà. Non è una cattiva esperienza. Se la consideriamo come tale allora vorrebbe dire che Dio non ha compassione. Se hai un problema, consideralo come un'opportunità che hai di affrontarlo e uscirne fuori. Ti sono state date le persone, la ricchezza e le capacità per affrontare tali sfide. Se lo capisci, le tua capacità miglioreranno. Proprio per mettere alla prova le tue capacità, Dio ti crea queste situazioni.

6. Se tu ti rendi conto che ogni cosa di cui fai esperienza è una prova che Dio ti dà, allora sarai in grado di vedere in profondità il problema e gestirlo nel modo migliore. Capirai il suo risultato e allora non avrai nessuna paura.

7. Se capisci le sei verità precedenti, allora ci sarà un'enorme trasformazione nel tuo corpo. Da quel momento in poi, non solo avrai compassione, ma diventerai quella "compassione".





SKYPE DI SRI BHAGAVAN CON LA GERMANIA DEL 27.11.2011

D: Cosa possiamo fare da parte nostra, per aiutare più gente possibile a risvegliarsi e a realizzare Dio, al più presto?

R: Date e prendete più Diksha possibili. A Marzo 2012 il Diksha diventerà molto, molto potente e ci sarà una grande trasformazione.

D: Amato Bhagavan, qual è la sadhana (esercizio) più importante per prepararmi al 2012?

R: La pratica dell'integrità interiore.

D: Perché così tanti DG stanno attraversando dei processi profondi, in questo periodo?

R: Molti DG stanno andando in spazi molto profondi, perché la maggior parte di loro, si risveglierà, tra giugno e luglio del prossimo anno.

D: Carissimo Bhagavan, amorevole padre, puoi dirci qualcosa sull'importanza del cuore in generale, ed in particolare nel processo di Risveglio? Qual è il ruolo del cuore?

R: Ogni problema può essere osservato partendo dalla testa o dal cuore. Se riesci a stare con la sofferenza, il tuo cuore fiorirà. Coloro che risolveranno i loro problemi col cuore, presto si risveglieranno. La sofferenza aiuta il cuore a fiorire.

D: Amato Bhagavan, Amma dice che lei è felice se una relazione figli/genitori viene guarita. Cosa rende Te felice? Cosa possiamo fare per renderti felice? Grazie.

R: Se una qualsiasi relazione viene sistemata, io sono molto felice.

D: Caro Bhagavan, è importante o necessario che i DG diventino Trainer? Qual è la differenza tra DG e Trainer, riguardo alla loro missione e alla loro responsabilità, dall'anno prossimo in poi? Grazie

R: Il ruolo dei DG è di aiutare le persone riguardo i loro problemi. Il ruolo dei Trainer è di tenere Corsi, dare Diksha, sostenere ed aiutare le persone nei loro problemi e accompagnarli nel loro processo di Risveglio. Ci servono 70.000 Risvegliati o 7.000 Trainer. I Trainer risvegliati sono la luce guida per il Risveglio del mondo. La Grazia Divina fluirà attraverso i 7.000 Trainer risvegliati e, da loro, alla popolazione umana.

D: Rispettabile Bhagavan, 11 anni fa ho avuto un tumore al seno. Proprio adesso quella malattia è riapparsa, sebbene io abbia fatto per 3 volte l'Arogya Diksha. Sento qualcosa di molto pesante in me. Mi appello a te per rinforzare il mio sistema immunitario e ti chiedo di guarirmi. Cos'altro posso fare? Grazie di cuore, Bhagavan

R: Non ti serve nient'altro: io ti aiuterò certamente.

D: Vogliamo illuminarci in questa vita, quindi la nostra domanda a Sua Onestà Sri AmmaBhagavan è: qual è la strada più veloce per l'Illuminazione? Grazie mille.

R: Non preoccupatevi, dopo marzo 2012 i Diksha saranno così potenti, che sarete risvegliati molto velocemente.

D: Sentiamo molte cose sul Deepening e le esperienze (???). Cos'è esattamente che AmmaBhagavan fanno con noi e per noi, durante il Deepening.

R: Durante il Deepening noi lavoriamo sui vostri cervelli e cerchiamo di spingervi al Risveglio.

D: Bhagavan, vorremmo un messaggio speciale per noi, per la Germania.

R: Come molti altri paesi, nel 2012 la Germania avrà dei problemi economici. Ma ci sarò io ad aiutare tutti voi. Inoltre molti di voi si risveglieranno. Io cercherò di spingervi verso il Risveglio.





WEBCAST DI SRI BHAGAVAN CON LA SCANDINAVIA 11.12.2011

D: Caro Bhagavan, hai qualche notizia per noi riguardo il 2012?

R: Sì, abbiamo qualche notizia: il 29 gennaio introdurremo un nuovo tipo di Diksha. Questo Diksha sarà estremamente potente. La gente sarà capace di raggiungere stati di Risveglio molto facilmente e il ricevere questi Diksha ripetutamente dovrebbe naturalmente portare al Risveglio (permanente). Oltre a ciò, nel mese di marzo, ci saranno Diksha speciali al Tempio, e questi aiuteranno la gente a raggiungere stati di Risveglio molto velocemente, e a diventare Risvegliati. Inoltre, da marzo in poi, quelli Risvegliati si riuniranno nel Tempio a meditare, per tutto il mondo. Solo i Risvegliati saranno ammessi nel Tempio, in quel giorno, e si riuniranno lì a meditare con Amma e Bhagavan, per la trasformazione del mondo. Queste sono le notizie per voi per il 2012.

D: Bhagavan, se il Risveglio può arrivare solo tramite la Grazia, qual è l'ostacolo che impedisce al Diksha di produrre, in tutti, questo cambiamento neurobiologico?

R: Ci sono due elementi coinvolti qui: uno è la preparazione e l'idoneità individuale; l'altro è la potenza del Diksha. All'inizio la potenza del Diksha non era sufficiente, per cui la gente doveva lavorare più duramente. Ma ora, che ci avviciniamo al 2012, non c'è più da lavorare così duramente, perché la potenza del Diksha sta diventando molto, molto più grande. Quindi, nel 2012, vedrete gente che ce la fa più facilmente, grazie all'enorme potere del Diksha. Ci sono voluti 23 anni perché il Diksha arrivasse a questo livello.

D: Per arrivare al Risveglio, quanto lavoro o responsabilità competono all'individuo, e quanto lavoro e responsabilità competono ad AmmaBhagavan? Qual è la percentuale rispettiva, ce lo puoi dire?

R: Non possiamo parlarne in termini percentuali, perché nelle fasi iniziali voi dovete fare più lavoro, mentre AmmaBhagavan possono fare solo poco. Ma, col passare del tempo, sempre più lavoro viene fatto da AmmaBhagavan e sempre meno da voi. Così potremmo all'incirca dire che, nel 2012, il 90% dipenderà da AmmaBhagavan e il 10% da voi. E' una percentuale che cambia.

D: Bhagavan, ci puoi spiegare la differenza tra 'stati di Risveglio' e 'essere Risvegliati'?

R: Sono 2 cose molto diverse. Gli stati di Risveglio vanno e vengono: come le onde dell'oceano, continuano a venire e continuano ad andare. Inoltre, nello stato di Risveglio, puoi ancora essere ferito, c'è ancora dolore, e tu ci sei ancora, anche se sei in uno stato risvegliato. Essere Risvegliato vuol dire essere in uno stato permanente, uno stato in cui tu non ci sei più. A quel punto tu hai chiaramente realizzato che non c'è nessuno lì, che si deve risvegliare, e tu te ne sei andato. E niente più ti può ferire, non hai più dolore: è uno stato molto diverso. Quindi lo 'stato di Risveglio' è molto diverso da quello che chiamiamo 'il Risvegliato'.

D: Come si può mantenere lo stato di Risveglio anche al lavoro? Quando sono con gli altri, mi è molto difficile mantenere la pace, che sento a casa, quando sono solo.

R: Quando sei veramente in uno stato risvegliato, non importa dove sei: sia che sei solo o in mezzo ad una folla, sia al lavoro che a casa. Ma se lo stato risvegliato è molto debole, allora starai certamente meglio a casa.

D: Caro Bhagavan, a volte la gente pensa che quando sei Risvegliato, sei sempre felice. Ne puoi parlare, Bhagavan?

R: Quando sei in uno stato risvegliato, puoi essere felice, puoi essere infelice, ma quando sei 'Risvegliato', che è molto diverso dall'essere in uno stato risvegliato, tu sei sempre felice: per la semplice ragione, che tu non ci sei più. Quando tu non ci sei, ciò che c'è è solo Coscienza, e la natura della Coscienza è gioia e felicità.

D: Amato Bhagavan, quando prendo il Diksha dalle mie Paduka, da circa un mese, cerco sempre di ancorare ad esse uno stato di libertà assoluta, una mia precedente esperienza trascendentale. E adesso percepisco chiaramente che questa coscienza trascendentale si espande un po' di più, ogni volta che prendo il Diksha dalle Paduka. Caro Bhagavan, è questa una pratica che devo continuare? Mi puoi dire qualcosa, Bhagavan?

R: Non è che la devi fare per sempre. La devi fare fino a che il tuo stato è diventato abbastanza profondo e permanente. Una volta raggiunta la permanenza, non devi più fare questa pratica.

D: Bhagavan, mi sembra che coloro che hanno le esperienze più profonde col Diksha. sono quelli che sono stati sul cammino spirituale per molti anni e hanno lavorato su se stessi e sulle proprie cariche (emotive). Dobbiamo considerare il Diksha come una spinta finale, dopo aver fatto tutta quella preparazione? E' davvero possibile, per la gente ordinaria, che non ha seguito un cammino spirituale e non lavorato a lungo su di sé e sulle proprie cariche, risvegliarsi tramite il Diksha?

R: Quello che conta, a questo proposito, sono le vite passate. Se considerassimo solo quello che avete fatto in questa vita, non ci sarebbe nessuna possibilità di risvegliarsi. In realtà, tutti voi siete grandi cercatori e avete lavorato per centinaia di vite e migliaia di anni. E' il passato che conta: le vostre vite passate. Quindi, da questo punto di vista, siete tutti ben preparati. Ciò che serviva, era il potere del Diksha, per spingervi. Questo potere ha continuato a crescere, dal 1989, e raggiungerà il suo picco nel 2012, per cui sarà capace di portarvi dall'altra parte. Avete fatto il vostro lavoro, non in questa vita, ma nelle vite passate.

D: Sento il profondo desiderio di stare in contatto con il mio Divino interiore, quando sono in situazioni stressanti. Per esempio, al lavoro quando devo concentrarmi mentalmente, o quando nascono dei conflitti. C'è qualcosa che io posso fare per restare in contatto con te, in queste situazioni, Bhagavan?

R: E' estremamente importante che tu sia in contatto col Divino interiore, nei momenti difficili, e, affinché questo avvenga, dovete costruire un forte legame col vostro Antaryamin. Se lo farete, più difficile sarà la situazione, più facilmente riuscirete a connettervi, e, se potete connettervi col Divino, Lui si prenderà cura di tutto.

D: Che caratteristiche dovremo avere, per essere tra gli 8000, che siederanno nel Tempio, a meditare per il futuro dell'Umanità?

R: Per sedere tra gli 8000 e meditare con AmmaBhagavan, per il benessere del genere umano, dovete essere Risvegliati.

D: Amato Bhagavan, in alcune zone della Danimarca, sembra esserci mancanza di impegno: poco desiderio di dare il Diksha e di iniziare nuovi DG. Ci puoi dare una benedizione per la Danimarca, affinché ci mettiamo tutti a lavorare per la Oneness?

R: Sì, vi darò una potente benedizione per la Danimarca.

D: Caro Bhagavan, sento solo vuoto, dentro di me, senza aspettative. Non ho neanche più un obiettivo nei miei pensieri. Per favore, mi puoi dare una spiegazione su quello che mi sta succedendo, Bhagavan.

R: Sei molto vicino a risvegliarti.

D: Caro Sri Bhagavan, cosa possiamo fare noi Norvegesi per attivare spiritualmente il nostro popolo? Sarebbe utile dare il Diksha alla cartina della Norvegia, tutte le volte che ci si incontra tra Trainers e DG? Per favore benedici la Norvegia, Bhagavan.

R: Funzionerà in modo potente dare il Diksha alla cartina della Norvegia. Inoltre io benedirò la Norvegia.





BHAGAVAN RISPONDE ALLE NOSTRE DOMANDE

D: Bhagavan stiamo padroneggiando l'arte di vivere la sofferenza nella misura in cui viene convertita in gioia, ma nella nostra vita quotidiana accade così raramente. Perché? A causa della mancanza di concentrazione e di energia o di un legame debole con il Divino? Cosa dobbiamo fare per padroneggiare questa arte?

Bhagavan: Normalmente, per padroneggiare una qualsiasi di queste arti si deve praticare continuamente senza interruzione per 21 giorni. Se lo fai per 21 giorni senza una pausa, diventa molto naturale per te. Questo è il modo in cui tu cominci a vivere.

E tu puoi testarlo, supponiamo che la mattina mentre ti lavi i denti, devi essere pienamente consapevole dello spazzolino in movimento contro i denti e le gengive. Non dovrebbe essere una forma di spazzolatura meccanica, che si fa normalmente. Devi essere intensamente consapevole dello spazzolino che lava i denti e gengive.

In ogni momento dovresti fare esperienza. Supponiamo che stai facendo il bagno, non dovresti farlo meccanicamente. Devi sentire l'acqua che scorre sul corpo, le sensazioni e tutto quello che sta succedendo.

Allo stesso modo, se si sta mangiando, dovresti completamente sperimentare il mangiare, come il cibo sta attraversando la bocca, come stai mordendo. Devi sperimentare questo.

Se fai pratica per 21 giorni, diventerà molto, molto naturale. La maggior parte delle nostre cose si fanno per abitudine. Dobbiamo rompere l'abitudine. Come leggere il quotidiano o fare una passeggiata mattutina, qualunque cosa tu faccia la mattina o in qualsiasi momento della giornata, la maggior parte è diventata un'abitudine. Dobbiamo rompere l'abitudine e dobbiamo essere molto consapevoli di quello che sta succedendo e dell'esperienza. Se anche questo è fatto per 21 giorni, le cose normali della vita, non necessariamente sperimentando la sofferenza, ma le cose normali della vita, scoprirai un cambiamento totale nella consapevolezza. Potrai iniziare a vivere, non esistere.

Basta provarlo per 21 giorni, diventerà molto naturale per te.

L'insegnamento più importante...

Potremmo mettere tutto l'insegnamento della Oneness in una sola parola: consapevolezza. La cosa più importante da capire è che il contenuto della vostra mente non è affatto importante. Potrebbe essere qualsiasi cosa. Potrebbe essere la violenza, rabbia, odio, gelosia, frustrazione, paura, tutto ciò che vasta gamma di pensieri, sentimenti ed emozioni. Siamo solo non preoccupati per loro. Perché noi non cerchiamo di cambiare questo, non possiamo cambiare - queste sono le proprietà della mente umana che è molto antica e vi è una sola mente. Tutto quello di cui stiamo parlando è: per favore, diventa intensamente consapevole di quello che sta succedendo. Questo è tutto. Basta vedere cosa sta succedendo all'interno. Non cercare di fare qualcosa. Non c'è niente che puoi fare per esso. È solo lì. Questa è la verità. Che è l'integrità interiore. Questo è essere autentici. Questo è tutto quello che dovete fare. Questo è l'insegnamento della Oneness. Questo è l'insegnamento fondamentale.





BHAGAVAN RISPONDE ALLE NOSTRE DOMANDE

D: Bhagavan, nessuno in questo mondo è libero dalla sofferenza. Per essere liberi dalla sofferenza, cosa si dovrebbe fare?

Sri Bhagavan: E 'molto semplice. Per favore seguite le seguenti 7 verità per essere liberi dalla sofferenza.

Tutto proviene da un'unica fonte. Potrebbe essere Dio o energia. Non c'è inizio e fine della vita.

Se identificate questa fonte, non distinguerete tra buono, cattivo, giusto o sbagliato. Tutte queste cose sono i nostri punti di vista. Tutto è venuto da un'unica fonte.

La vita non è altro che la vostra ricerca per il sé. Nella vostra vita, cose che accadono a voi, vedete, tutto riflette il vostro 'io'. Se soffrite di povertà, significa che c'è qualcosa di sbagliato con voi stessi. È necessario correggere questo per uscire dalla povertà. Se avete l'odio, allora chi incontrerete sarà presente con la stessa qualità. Se disponete di cattivi pensieri, anche le persone che incontrate avranno cattivi pensieri. Cercate di capire questo in primo luogo.

Rendetevi conto che tutto ciò che si verifica in questa vita è per grazia di Dio. Supponendo di scivolare mentre si cammina, cerca di considerala come la grazia di Dio. Se si vede Dio in ogni cosa, la vostra vita diventerà meravigliosa.

Rendetevi conto che tutto ciò si verifica in questa vita è solo un 'test' per voi da Dio. Non è una brutta esperienza. Se fosse considerato come una brutta esperienza, allora vorrebbe dire che Dio non è compassionevole. Se si verifica un problema, consideratelo una opportunità per voi di affrontarlo e uscirne. Sono state date alla gente, la ricchezza e la fiducia per affrontare le sfide, se si capisce questo, la fiducia migliora, solo per testare la vostra fiducia, Dio vi darà una prova.

Se vi rendete conto che tutto ciò si verifica è un test per voi da Dio, allora sarete in grado di pensare profondamente sul problema e di gestirlo in modo migliore. Capirete il suo risultato. Allora non avrete paura.

Se comprendete le 6 verità, allora ci sarà una trasformazione enorme nel vostro corpo. Da quel momento, non solo potrete avere compassione, ma diventerete la 'compassione'. Se seguirete questo, i vostri rapporti miglioreranno. Non avrete paura o dolore - avrete solo gioia - non tentare di analizzare questo logicamente. Se seguirete queste verità anche per 21 giorni, sarete felici. Il problema con noi è che diffondiamo solo dolore e sofferenze. È per questo che la terra sta morendo. Dopo aver sperimentato la gioia e la felicità sarete in grado di diffondere solo gioia e felicità agli altri.





BHAGAVAN RISPONDE ALLE NOSTRE DOMANDE

D: Bhagavan, Sembra che questo movimento si sta evolvendo. C'è una fine a quello che ci puoi insegnare?

Sri Bhagavan: La coscienza è in continua evoluzione. Ma per quanto ci riguarda, una volta che il numero di 64000 è realizzato, si chiude bottega. Già scoprirete che non andiamo da nessuna parte. Tutto ciò che intendiamo fare è offrire questo ai 64.000. Poi avremo solo tempo buono qui. Potrete fare quello che volete. Io non sono un messia per trasformare l'umanità. Ho preparato alcune persone per portarli in uno stato. Loro prepareranno i 64.000 e li porteranno in uno stato. Allora sarete in grado di fare questo per l'umanità. Kalki? Io non sono Kalki. Kalki sono tutti gli dei Indù messi insieme. Non è una persona ma un numero enorme di persone che trasformerà l'umanità. Così anche il Cristo, l'Imam Mehdi, Maitreya. Il Kalki, o il Cristo, o Maitreya entra in voi - spetterà a lui allora - qui ci si limiterà a chiudere bottega e avere un tempo buono!





L'unica realtà è il cuore. Ciò che il cuore dice, solo questo è verità. Questa è la guida proveniente dalla Coscienza Cosmica. Ascoltare il tuo cuore significa ascoltare Dio stesso. Non si può capire perché Dio dice questo o quello. La parte non riesce a capire il tutto, ma la parte deve obbedire al tutto. Il tutto si manifesta attraverso il cuore, e voi siete la parte fino a che diventerete tutt'uno con Dio. Gli esseri umani oggi non obbediscono al tutto. Non seguono i loro cuori. Seguono la loro mente. Ecco perché il mondo è in disarmonia. Quando semplicemente seguite il vostro cuore, che sta seguendo la volontà divina, non ci sarà nessun problema nella vostra vita. Se ognuno segue la divina volontà, non ci sarà alcun problema sulla terra.





14 novembre – GIORNATA ONENESS DELLA GRATITUDINE

La Gratitudine sblocca la pienezza della vita. Trasforma in ciò che abbiamo a sufficienza, in altro ancora. Trasforma la negazione in accettazione, il caos in ordine, la confusione in chiarezza.

Può trasformare un pasto in una festa, una abitazione in una casa, uno sconosciuto in amico.

La Gratitudine dà senso al nostro passato, porta la pace all'oggi e crea una visione per il domani.





Il segno caratteristico della generosità è la gratitudine.

Sfortunatamente le persone non ce l'hanno e così la mancanza di gratitudine ostacola la crescita. [...]

Quando una persona ha la sensibilità di riconoscere queste benedizioni e quando il cuore dimora nella gratitudine, realizza che questo universo è abbondante ed ogni momento della vita è guidato dalla grazia divina.

Dato ciò, la gratitudine è la più elevata espressione dell'emozione negli esseri umani, così da rappresentare l'evoluzione della consapevolezza.





MESSAGGIO DI SRI BHAGAVAN ALL'UMANITA' 11-11-11
AFRICA UBUNTU INDABA


Namaste,

l'Umanità sta entrando nella fase più critica della sua esistenza. I tempi che stanno arrivando testimonieranno i cambiamenti più inusuali e mai immaginati, nel corso della Sua lunga evoluzione. La razza umana, come insieme distinto e coerente, è passata attraverso diversi stadi evolutivi ed ora si sta avvicinando a quella maturità, lungamente attesa.

Con tutti gli avanzamenti scientifici e tecnologici, nati dall'ingegnosità del genere umano, l'uomo è enormemente progredito nel mondo materiale: le sue invenzioni hanno reso la vita quotidiana più comoda. Eppure egli è infelice. Nonostante tutto questo progresso e tutte queste invenzioni, l'uomo è tuttora smarrito. Le sue incapacità di disperdere gli spettri minacciosi della guerra, le minacce di collasso dell'ordine economico internazionale, il diffondersi dell'anarchia e del terrorismo, lo hanno portato in una 'terra di nessuno'.

Oggi, aggressione e conflitto caratterizzano i nostri sistemi sociali, economici e religiosi. Questo avviene perché l'uomo ha fatto ben poco progresso nel mondo interiore. Nella sua pazza corsa verso la felicità materiale, ha perso di vista la sorgente della sua anima. Non riconoscendo il vuoto interiore, indulge in varie attività, che essenzialmente servono a tenerlo occupato, nel tentativo di fuggire da quel vuoto. Questo lo si può vedere osservando i suoi costanti tentativi di porsi nuove mete da raggiungere, e dalla sua incessante ricerca di riconoscimento, nella società. La conseguenza di questo fuggire, è ulteriore stress mentale, che porta a conflitti in famiglia, nella società e, alla fine, a conflitti mondiali.

La vita è movimento. Oscilla tra ordine e disordine. Compare e sparisce.

Nel corso naturale degli eventi, man mano che si passa dall'ordine al disordine, anche voi verrete spinti lontano dall'unità, verso la divisione.

Nella famiglia, ogni volta che c'è sofferenza e stress, c'è un movimento che vi allontana dall'unità. La guarigione del cuore, il fiorire dell'amore, sono modi per tornare all'unità.

In qualità di esseri consapevoli, voi potete usare il potere del Diksha, per spingere questo flusso a ritroso, dalla divisione all'unità: per istituire un sistema sociale progressista e pacifico, dinamico e armonioso, un sistema che dia spazio all'iniziativa e alla creatività individuale, ma basato sulla cooperazione e sulla reciprocità.

Quando c'è ordine nella famiglia, nel comitato delle nazioni e nelle varie forme di vita, il ritorno all'unità è possibile. Esso è raggiungibile tramite l'accettazione della vita e l'esperienza di se stessi, senza resistenze.

Ora c'è l'opportunità di elevare la vita ad un nuovo livello di ordine e di unità. Quando è iniziato il fenomeno Oneness, noi abbiamo ricevuto certe rivelazioni, che indicavano il Risveglio dell'Africa come foriero del cambiamento globale. Le rivelazioni ci mostrarono che ci sarebbe stata un'accelerazione del Risveglio, in tutto il pianeta, a partire dal 2012.

L'unica cosa che dobbiamo fare, è diventare ricercatori appassionati e sviluppare una seria preoccupazione riguardo l'intera Umanità e tutte le forme di vita. Coloro che hanno dentro questa passione, saranno i primi a risvegliarsi. Una volta che questi saranno trasformati, la loro presenza, il loro accresciuto livello di consapevolezza, aiuteranno spontaneamente gli altri a raggiungere stati più elevati di coscienza.

Il Caos è sempre un precursore dei cambiamenti di coscienza, e noi siamo certamente in un momento di Caos. Ricordate quindi che ogni prova viene sotto forma di disordine e divisione. Essa ci guida verso un superiore livello di ordine e unità. Siccome psicologicamente siamo inseparabili dal resto dell'Umanità, ogni individuo che si risveglia all'Unità, influenza automaticamente diverse migliaia di esseri, aiutandoli a crescere verso esperienze più profonde della Realtà, ed a scoprire nuovi modi di vivere ed amare.

Voi state creando un pianeta migliore, per il presente ed il futuro.

Sri Bhagavan





BHAGAVAN RISPONDE ALLE NOSTRE DOMANDE

Domanda: Tutte le cose della vita possono essere raggiunte se si rimuovono i blocchi mentali. Come posso rimuovere i blocchi mentali?

Bhagavan: Più si pensa positivamente più le negatività entrano in gioco. Per questo motivo stando davanti allo specchio e dicendo ripetutamente qualcosa per incentivare te stesso non funziona mai, perché il feedback è negativo. Il pensiero positivo porta alla negatività. Quindi, il segreto non è il pensiero positivo, ma i sentimenti positivi.
Ecco perché durante le preghiere vi chiediamo di avere emozioni per la cosa che desiderate. L'emozione, inoltre, non è la cosa giusta. In realtà, è sentimento. I sentimenti non hanno alcuna resistenza. Poi non ci può essere nessun blocco mentale. Prendiamo ad esempio la paura ... la paura di un cane ... e che sarai morso. Sì, porta ad altre paure.
Vivi con te stesso amore, la vita sarà sempre l'amore.





BHAGAVAN RISPONDE ALLE NOSTRE DOMANDE

Domanda: Come posso trovare e compiere la mia missione, lo scopo della mia vita? NON SO IMPOSTARE i miei obiettivi!

Bhagavan: È molto importante per le persone scoprire il proprio scopo di vita. Quello che succede è che non si ha chiarezza e se usi la testa per pensare e scoprire il tuo scopo nella vita. Si potrebbe pensare che non vi è nulla di male in questo. Ma anche se non credi che ci possa essere più chiarezza, dovresti tenere dentro di te: non ho chiarezza. E proprio stare con questa idea. Non ti devi spostare fuori da essa. E poi, dal fondo del tuo essere, tu saprai esattamente qual è la missione e lo scopo della tua vita.
Per esempio, quando Gandhi era vivo e in movimento in tutto il paese, non sapeva come realizzare l'India indipendente. Cosa fare? Gli inglesi erano una forza tremenda. E non era da ottenere con la violenza. Non sapeva cosa fare. Così rimase seduto con la verità: io non lo so. E in pochi mesi, fino a un dato giorno, improvvisamente, gli venne l'idea, dovremmo boicottare il sale inglese. Questa è stata un'idea molto divertente. Era un grande impero, come diventare liberi da quell'impero? Boicottando il sale. E pensò: sì, è questo. Ha iniziato a compiere la propria missione, e presto si unirono a lui milioni di persone. E finalmente siamo diventati indipendenti.
Questa idea non è qualcosa che possiamo concepire. Non è ciò che pensiamo. No. Basta accettare il fatto: non lo so. Poi, improvvisamente, la verità profonda giunge. Questo accade ad ogni individuo, perché se si mantiene tranquillo, avviene all'interno un'enorme elaborazione. Se continui a pensare e combattere, distruggi questo processo. Se solo stai tranquillo, basta avere questa idea: Non lo so, io mi chiedo - fallo, e aspetta.
Solo stai tranquillo. A volte il terreno deve rimanere intatto per un po' prima che possa iniziare a crescere qualcosa di nuovo. Così il terreno diventa fertile. Allo stesso modo, si deve tacere, un'attività tranquilla, non devi essere indifferente o addormentato. Basta stare con il fatto che non sai. Devi essere intensamente consapevole, allora l'idea giunge. Tu lo porti alla luce, e se segui questa via, non puoi mai fallire. Quindi questo è il modo in cui scoprirai il tuo scopo nella vita.





BHAGAVAN RISPONDE ALLE NOSTRE DOMANDE

Domanda: Noi non riusciamo a stare concentrati durante la meditazione o le preghiere; che consigli ci puoi dare per migliorare la nostra concentrazione mentre preghiamo, e mantenere il controllo sui pensieri?

Bhagavan: Nella Oneness, noi facciamo esattamente il contrario: non cerchiamo di controllare i pensieri. Prima di tutto perché non crediamo che esista un controllore. Per noi, il controllore è un'illusione: cioè, noi non esistiamo, è solo un'illusione. Quando l'illusione se ne va, tu diventi Risvegliato/Illuminato. Quindi qui non c'è neanche l'idea di un controllore. Tutto quello che vi chiediamo è: "per favore, osserva costantemente i tuoi pensieri".
Stranamente, se continui ad osservarli, loro non ti disturbano più, e allora nasce una concentrazione naturale. Diciamo che tu sei concentrato su un qualche oggetto: siccome ora hai imparato ad osservare i tuoi pensieri, essi rallentano e non ti disturbano più. Quindi riesci ad osservare quell'oggetto in modo molto più attento, e così facendo, naturalmente, la capacità di concentrarsi migliora. Per noi la meditazione è qualcosa che accade, la concentrazione è qualcosa che accade.
Tu non devi meditare, tu non devi concentrarti. Non è che sia sbagliato farlo. Questo è un modo di rapportarsi alla consapevolezza della mente, ma il nostro modo è diverso. Siccome noi siamo completamente focalizzati sul Risveglio e sull'Illuminazione, sentiamo che quel tipo di concentrazione diventa un ostacolo. Va bene per altri scopi, ma non vi aiuta a diventare Risvegliati. Quindi noi pratichiamo quel tipo di consapevolezza, grazie alla quale otteniamo una concentrazione naturale e, nello stesso tempo, ci risvegliamo.
Quello che dovete imparare ora è 'osservare voi stessi'. La Oneness è tutta sull'osservare se stessi, stare con quello che c'è. Questa è Oneness.





SRI BHAGAVAN CON LA RUSSIA - 18 settembre 2011

Hello Bhagavan, siamo molto lieti di vederti. Ci stiamo preparando da 21 giorni per questo giorno speciale e siamo molto felici di essere qui con te.

B: Sono contento di vedere tutti. Sono contento di sentire la vostra voce.

Ti vogliamo bene Bhagavan.

B: Vi voglio bene. E' una bellissima sala.

Sei molto bello Bhagavan. Siamo felici di vederti.

B: Grazie. Passiamo alle domande?

Si, Bhagavan.

1) Namaste caro Bhagavan! Grazie per tutto quello che stai facendo per la gente. Mi rendo conto che purtroppo solo poche persone accettano la preziosa conoscenza che ci stai offrendo, e in molti casi solo per distrazione o pigrizia. Come possiamo superare questi ostacoli sulla strada dell'Illuminazione, a cui aspiriamo, ma lungo la quale incontriamo continuamente ostacoli?

B: Vi devo parlare di coscienza individuale e di coscienza collettiva. La confusione, la mancanza di focalizzazione e di passione, vengono dalla coscienza collettiva. La coscienza collettiva dovrebbe cambiare drasticamente a partire dal 28/10/2011. Man mano che la coscienza collettiva cambia, a causa del cambiamento energetico, scoprirete che la gente diventerà molto molto seria. Ci possiamo aspettare grandi cambiamenti nelle persone, dopo il 28/10/2011.

2) Ci dici che dobbiamo semplicemente osservare la paura, la rabbia, l'aggressività, la gelosia, che abbiamo dentro. Ma cosa fare quando vedo queste cose, ma non c'è niente che possa fare dentro di me. L'emozione è così forte che potrei urlare contro qualcuno: l'emozione mi attraversa e la carica emotiva è molto potente. Cosa significa "osservarle dentro di me, accettarle e non cercare di cambiarle "? Tu dici che il Risvegliato fa semplicemente esperienza delle sue emozioni, che le emozioni semplicemente accadono. Cosa significa? Il Risvegliato semplicemente sperimenta le sue emozioni? Come si pone riguardo ad esse? Cosa intendi quando dici che non dobbiamo fare niente con le emozioni? Dove vanno a finire queste cariche? Grazie.

B: Spesso dico che se non sei Risvegliato, non devi cercare di comportati come tale. L'insegnamento, di cui tu parli, si applica a chi entra in stati di Risveglio o è Risvegliato. Il tuo compito è di provare e vedere che non c'è nulla che tu possa fare a riguardo. Quando capisci che non c'è nulla che tu possa fare, questo ti porta ad arrenderti. Quando ti arrendi e ti senti impotente, allora la Kundalini sale. Quando la Kundalini sale, cominci a vedere. Non è che TU vedi. Non c'è nessuno che vede: il vedere accade, senza sforzo. L'accettazione è senza sforzo. Tutto quello di cui vi ho parlato è senza sforzo. Se ci metti sforzo, non ci arrivi. L'unico scopo di metterci dello sforzo, è per arrivare a capire che tu sei impotente e che non c'è proprio niente che tu possa fare. Il tuo fare arriva solo fino a quel punto. Dopo di che la Kundalini prende il sopravvento. Il vedere accade. Il vedere non porta a nulla. Vedere è essere Risvegliati. Non dovreste pensare che vedendo, dovrebbe accadere qualcosa. Il 'vedere' è lo stato Risvegliato. Di solito va e viene, per cui diciamo che voi entrate ed uscite da uno stato di Risveglio. Quindi quando siete davvero Risvegliati, diventa permanente ed irreversibile. Non è che tu fai qualcosa: tu sei completamente cambiato. Ci arriverete presto.

3) Grazie per tutto quello che fai per noi. Per favore dicci come possiamo aiutare quelli che non sono ricettivi, che non sono pronti a sentire parlare di nuovi modi di relazionarsi, di una nuova percezione della vita? Inoltre, come mai ci sono così tanti DG, che hanno ricevuto tanta Grazia da Te, ma non hanno fede e continuano a cercare, e neanche sanno cosa vogliono.

B: Per influenzare gli altri dovete essere trasformati. Nel momento in cui questa trasformazione avviene, almeno ad alcuni, costoro saranno capaci di influenzare l'intera umanità. Anche se ci sono ancora persone che cercano qui e là, è solo questione di tempo, prima che loro cambino completamente. Non ci dobbiamo preoccupare. Il cambiamento sta arrivando molto velocemente.

4) Perché il processo del Risveglio in Russia è così complicato?

B: Abbiamo osservato attentamente gli ultimi due gruppi venuti dalla Russia, e stanno compiendo progressi molto, molto veloci. Dal mio punto di vista, i Russi stanno andando molto bene. Aspetta solo qualche mese. Vedrai grossi risultati. Abbiamo visto molti Russi, che sono in stati di Risveglio. Questo si diffonderà molto presto.

5) Caro Bhagavan, ultimamente non mi va di fare nulla. Ma poi penso che devo fare qualcosa subito, altrimenti non avrò soldi, non potrò mantenere la mia famiglia, e passerò il resto della mia vita in modo passivo e letargico. Poi penso che questi pensieri sono basati sulla paura e sulla mancanza di fede. Se do fiducia al Silenzio e smetto di ascoltare questi pensieri, andrà tutto bene? Come faccio a differenziare 'resa e accettazione' da 'pigrizia e passività'? Quando comincio ad accettare tutto, ogni movimento in avanti si ferma, tutto si ferma, e questo mi spaventa.

B: Mi sembra che tu confonda lo stato di Risveglio con lo stato di non-azione. Una persona Risvegliata è molto attiva, solo che lui sente che non c'è nessuno che agisce. In India abbiamo molte persone Risvegliate, che lavorano negli uffici o che sono imprenditori, ma se chiedete loro, vi diranno "io non faccio nulla". Il Risveglio non è inazione, ma è pieno di azione. L'unica differenza è che non ti vedi fare alcunché. Quindi (tornando al tuo problema) ti consiglio il Corso sulla Ricchezza, mentre io ti darò una benedizione per la ricchezza. Avete già iniziato i Corsi sulla Ricchezza in Russia? Cosa mi dite.

No, non abbiamo ancora iniziato: non abbiamo ancora ricevuto il materiale.

B: Prego, iniziate i Corsi sulla Ricchezza e…sì, dimmi?

Martedì avremo una conferenza Skype con Kiranji e dopo quello faremo partire i corsi in tutta la Russia.

B: Iniziate i Corsi sulla Ricchezza e vi benedirò con sufficiente ricchezza.

6) Caro Bhagavan, mi sembra che se i vari Trainer, che vivono nelle stessa zona, unissero i loro sforzi e si sostenessero a vicenda, nello sviluppo del Movimento Oneness, allora più persone potrebbero ricevere e dare il Diksha. Per favore, dicci quali sono gli ostacoli, perché non riusciamo a coalizzarci? Quando sarà possibile? Quando cominceremo a sostenerci a vicenda? E cosa dobbiamo fare individualmente per guarire l'egoismo umano, che mi sembra la ragione principale della disconnessione tra le persone?

B: Sì! Dovrebbe andare così: i Trainer dovrebbero muoversi in gruppi. Credo che inizierà a succedere nel 2012. E' già iniziato in qualche nazione, e sono sicuro che succederà presto anche in Russia.

7) Caro Bhagavan namaste, sarà possibile avere un Darshan con Amma, qualche volta?

B: Avrete un Darshan con Amma il 28 ottobre.

8) Caro Bhagavan, tu ci parli di 2 stati di coscienza: Illuminazione e Realizzazione di Dio. Come risultato delle idee che mi sono fatto, in favore di uno o dell'altro, mi sembra che averli entrambi sia la cosa migliore, così non devo scegliere. Caro Bhagavan, per favore dicci: questi stati si possono scegliere o vengono in base a qualche altra legge? E' possibile che vengano determinati dai programmi del mio inconscio?

B: Non ci sono scelte a questo proposito. E' tutto determinato dal tuo inconscio.

9) Caro Bhagavan, ogni mese la chiarezza in me aumenta. Ci sono state esperienze di stati di Risveglio, di tanto in tanto, ma con il passare del tempo, la mente comincia ad interferire e a commentare. Per un po' questo non disturba, ma dopo un po', l'attività della mente diventa dominante. Automaticamente cerco di mantenere quegli stati, ma senza successo. Poi cerco di smettere di cercare, e così si instaura un circolo vizioso. Così mi ritrovo sotto il dominio della mente, fino alla successiva esperienza di Risveglio. Come si fa ad avere uno stato costante, che non si possa più perdere?

B: Otterrai naturalmente lo stato di Risveglio, prendendo il Diksha dalle Paduka, o dalla SriMurthi, o cantando il Mula Mantra. Quando questo succederà, dovrai ancorare quello stato di Risveglio alle Paduka, o alla SriMurthi, o al Mula Mantra. Una volta che l'hai ancorato, ripetendo più volte il processo, potrai entrare nello stato di Risveglio a volontà. Però non devi confondere lo stato di Risveglio con il Risveglio permanente. Lo stato di Risveglio è dovuto a cambiamenti chimici nel cervello, mentre il Risveglio permanente è dovuto a cambiamenti fisiologici nel cervello. Lo stato di Risveglio, poiché è legato alla chimica, va e viene. Dopo che avrete ancorato lo stato, dovrete richiamare questo stato di Risveglio il più spesso possibile. Continuando così la fisiologia del cervello cambierà e voi diventerete Risvegliati in modo permanente. La vostra Sadhana sarà di entrare in questo stato di Risveglio il più spesso possibile. Dovete prendere il Diksha come vi è stato insegnato. Cioè, credo che Kiranji ve l'abbia già insegnato…un momento. (Bhagavan chiede a Kiran, che è vicino a lui: 'hai già insegnato loro il nuovo modo per prendere il Diksha?' Kiran risponde: 'No, non ancora'). Sembra che non sia stato ancora insegnato. Kiran vi insegnerà, quanto prima, questa nuova forma di Diksha. Dovreste provarlo: è molto potente e vi porterà facilmente in stati di Risveglio.

10) Namaste Bhagavan, Cos'è la preghiera? Che significato ha per chi non è Illuminato? E per chi è già Illuminato, che senso ha, visto che per lui ogni cosa è già perfetta, così com'è, e non esiste dualità?

B: Per il non Illuminato c'è uno che prega e uno a cui la preghiera viene rivolta. Per l'Illuminato questa distinzione non c'è: la preghiera semplicemente accade. Avete letto, per esempio, che Cristo pregava suo Padre, e allo stesso tempo, diceva: 'Io e mio Padre siamo una cosa sola'. Per l'Illuminato, anche se si sente unito, la preghiera avviene spontaneamente. Purtroppo tutto questo non può essere capito, finchè non si è Illuminati.

11) Caro Bhagavan, nonostante tutta la passione che ho verso l'Illuminazione, ho scoperto di non essere diventato più saggio, ma al contrario, che il mio ego si è ingigantito. Ho cominciato a reagire negativamente a cose, verso cui prima non reagivo. Non ho più voglia di fare niente. Non voglio più andare avanti nella vita. Il successo materiale mi ha abbandonato, per la prima volta negli ultimi 20 anni. E' come se avessi schiacciato il tasto 'reset'. Sto sbagliando qualcosa.

B: Questo è perfetto. Sei sulla giusta strada. Fa parte del processo. Il resto accadrà automaticamente.

12) Caro Bhagavan, Ci hai sempre detto che il processo di Risveglio della coscienza collettiva avverrà per stadi, e che ogni nuovo stadio sarà accompagnato da un salto di energia. Ci puoi dare qualche dettaglio riguardo al 28 ottobre? Riguardo questo nuovo stadio del processo e alle sue caratteristiche? Cosa dobbiamo fare per parteciparvi consapevolmente?

B: Sì! Il 28 ott. probabilmente ci sarà un grande salto nella coscienza collettiva, dopo di che gli stati di Risveglio si manifesteranno molto facilmente, e ci saranno molti, che ora sono in uno stato di Risveglio, che si Risveglieranno in modo permanente. Oggi, nella meditazione che faremo, vi darò una potente benedizione, in preparazione del 28 ott. Poi, la meditazione che faremo quel giorno, vi spingerà verso stati di Risveglio. Dopo il 28 ott. cominceremo a crescere molto velocemente. Vogliamo prepararci adesso per quel giorno?

Ti vogliamo molto bene Bhagavan.

B: Grazie mille a tutti. Vi voglio molto bene. Guardandovi sento fortemente che, molto presto, la maggior parte di voi, se non tutti, sarete in stati di Risveglio. Vi amo tutti.

Benedizione.

Meditazione. Shanti, Shanti, Shanti





SRI BHAGAVAN CON IL BELGIO - 7 MAGGIO 2011

1 - Sri Bhagavan, cosa possiamo fare come DG per aiutare il pianeta a risvegliarsi? In questo periodo storico, qual è il nostro scopo, come esseri umani, su questo pianeta?

Bhagavan: dobbiamo scambiarci il Diksha, in modo da innalzare il nostro livello di coscienza. In questo momento la cosa più importante è crescere a livelli superiori di coscienza perché così potremo essere più vicini a Dio in una relazione più corretta ( portare il mondo in una direzione più giusta) questo è ciò che ci serve ora.

2 - Sri Bhagavan, abbiamo sentito che 'Risveglio equivale a Beatitudine' e che in realtà non dobbiamo fare niente per ottenerlo. Eppure sembra che tu ci stai dando molte cose da fare. Perché?

Bhagavan: per il Risvegliato tutto è spontaneo e naturale. Per il non-risvegliato questo non è vero. Poiché lui è nello stato non-rrisvegliato ci sono molte cose che deve fare. Ecco perché l'insegnamento principale è "se non sei Risvegliato, non comportarti come se lo fossi". Quindi l'insegnamento ha due componenti: uno per i Risvegliati e uno per i non-risvegliati.

3 - Sri Bhagavan, come saranno le nostre emozioni in futuro? Cosa succederà loro quando saremo Illuminati? Sarà più facile il 'lasciare andare'? Proveremo ancora paure, dubbi, ecc…?

Bhagavan: quando ti Risvegli le tue emozioni ci sono ancora, ma non sono più tue. Non dirai più "questa è la mia paura, questa è la mia rabbia", semplicemente dirai "c'è paura, c'è rabbia". Il senso di proprietà è sparito.

4 - Sri Bhagavan, perché succede che, nei momenti duri o nei giorni difficili, è così faticoso concentrarsi sul Divino? Perché Dio non si mostra, in quei momenti? E' allora che ne ho bisogno più che mai.

Bhagavan: se hai un forte legame, allora Dio sta con te in ogni momento. Quando c'è un legame debole, in effetti tu perdi la fede in Dio, allora …(?) diventa difficile, e quelli sono i momenti in cui Dio non viene in tuo aiuto. Quindi concentrati sull'avere un legame forte.

5 - Sri Bhagavan, 2 persone possono avere lo stesso intento e la stessa passione, eppure uno crea successo e l'altro no. Questa differenza dipende dal fatto che la mente inconscia è molto più forte e veloce di quella conscia? Come possiamo eliminare questi ostacoli inconsci?

Bhagavan - Tutti i problemi nascono nell'inconscio: problemi di salute, problemi finanziari, problemi di relazione, problemi con il Risveglio. Dobbiamo cambiare i nostri programmi inconsci e cambiare così le nostre vite.

6 - Sri Bhagavan, nel nostro paese è possibile partecipare a corsi di ogni tipo: corsi di guarigione, di meditazione, di yoga, ecc… Cos'è che rende il Diksha diverso e così speciale?

Bhagavan: la maggior parte dei corsi guarisce i programmi della mente conscia, mentre i veri problemi sono nell'inconscio. Il Diksha lavora sull'inconscio, cambiando i programmi nell'inconscio. Questa è la differenza.

7 - Sri Bhagavan, in Belgio abbiamo ormai il record mondiale del periodo in cui una nazione è rimasta senza governo centrale: ad oggi 326 giorni. E non si vedono cambiamenti a breve. Non c'è guerra, non ci sono grossi problemi, c'è solo una certa difficoltà a collaborare. Cosa dobbiamo imparare? Ci puoi aiutare suggerendoci qualche idea, Bhagavan?

Bhagavan: sembra che stiate entrando nell'Età dell'Oro, dove si dice che il momento sarà …(?). Mi sembrate molto più avanti di altre Nazioni. Comunque sembra che abbiate bisogno di concentrarvi sull'Unità e non sulla uniformità.





SRI BHAGAVAN durante il corso Bakthi Yoga di Schleiden-Gemund, Germania - 1 MAGGIO 2011

Michael: Bhagavan, abbiamo preparato alcune domande. Ti voglio dare una panoramica delle persone in questo corso: molti di loro sono DG ancora freschi, non hanno mai sperimentato un processo come questo Bakthi Yoga e sono veramente molto commossi. Allora potresti dirci qualcosa di più sul Bakthi e sul ruolo del Bakthi lungo il nostro percorso verso il Mukthi?

Bhagavan: Sì. C'è una storia in India, vecchia di 5000 anni. Si racconta di un bambino appena nato, che si rifiuta di aprire gli occhi. Allora i genitori pregano Dio: "vieni per favore e fagli aprire gli occhi". Dio dice al bambino: "per favore apri gli occhi". Il bambino risponde: "non aprirò gli occhi finchè non saprò con certezza quando e come il genere umano verrà risvegliato". La storia continua dicendo che Dio raccontò a quel bambino che dopo 5000 anni il genere umano sarebbe stato risvegliato e che avrebbe cantato e ballato lungo la strada del risveglio. I 5000 anni sono passati ed era tempo che succedesse. Il Bakthi Yoga è semplicemente il connettersi con la coscienza del proprio Divino e chiedergli il Risveglio. Tutto lì. E le cose stanno davvero cominciando a succedere. Passiamo alla seconda domanda?

Michael: OK,adesso possiamo iniziare con le tue domande Vidhyakarji.

Vidhyakarji: Carissimo Bhagavan, ti voglio ringraziare per la tua dedizione ed il tuo amore. Ci hanno detto: "chiedi e riceverai". Non ho domande, ma ho una richiesta, mio amato Bhagavan. Vorrei chiederti, in nome dei DG tedeschi, di darci la Realizzazione Divina ed il tuo pieno sostegno spirituale, cosicché potremo guarire le nostre famiglie e i nostri amici, ad ogni livello. Te lo chiedo affinché la Germania possa risvegliarsi e dare il suo contributo alla Mukthi (liberazione) del mondo. Grazie per la tua guida ed il tuo amore.

Bhagavan: Avete tutte le mie benedizioni ed il mio massimo sostegno.

Vidhyakarji: Ho una domanda Bhagavan. Amato Bhagavan, oggigiorno, su questo pianeta, il potere è nelle mani di un piccolo numero di persone. Cosa succederà se queste persone non rinunceranno volontariamente al loro potere ed alla loro influenza?

Bhagavan: Cominciando dal 2012 il potere si sposterà lentamente nelle mani della gente e, per il 2035 la maggior parte del potere sarà nelle mani della gente.

Vidhyakarji: Caro Bhagavan, ci puoi spiegare la differenza nel funzionamento dei processi OB 1 e OB 2 ? Grazie mille Bhagavan.

Bhagavan: Entrambi, OB 1 e OB 2, lavorano sui programmi inconsci. Sia nell' OB 1 che nell' OB 2 le energie emanano dalle Paduka e dalla SriMurthi. Queste energie si potrebbero anche misurare. Esse agiscono sul DNA, poiché i vostri programmi inconsci sono immagazzinati nel DNA. L' OB 1 cerca di resettare i programmi che vi creano problemi nella vita quotidiana e vi prepara per l' OB2. L' OB 2 resetta i programmi che ostacolano il vostro Risveglio. Ci sono programmi nel vostro inconscio, che vi impediscono di risvegliarvi nel vostro stato naturale. Una volta che questi programmi vengono cambiati, vi risvegliate in modo naturale. Passiamo alla prossima domanda.

Vidhyakarji: Caro Bhagavan, cosa posso fare per rafforzare la mia devozione?

Bhagavan: Per rafforzare la tua devozione devi costantemente continuare a parlare con il tuo Divino. Non c'è un modo specifico di parlare al Divino: devi parlargli come parli ad un amico. Proprio come parli ai tuoi genitori o ai tuoi amici. Però ci deve essere emozione nel colloquio. Se non c'è emozione ogni discorso è inutile. Se continui a parlare, si crea un legame. Una volta creato il legame, puoi chiedere qualunque cosa e la otterrai. Passiamo alla domanda successiva.

Vidhyakarji: Caro Bhagavan, il processo OB è un'esperienza che agisce a molti livelli? Che effetti ha sulla coscienza mondiale? Bhagavan: Come vi ho già detto, l'OB lavora sul vostro DNA. Il DNA vostro e quello di un altro dialogano in continuazione. È questo dialogare tra i vari DNA che possiamo chiamare l'inconscio collettivo. Il DNA contiene tutti i ricordi delle vostre vte passate, delle vite della Terra, delle vite dei vostri antenati. Ed è in costante comunicazione. Se guardate al frutto di un albero e vi viene il desiderio di cogliere il frutto e mangiarlo, in realtà è il DNA dell'albero che comunica con il vostro DNA e gli dice "per favore mangia il mio frutto", così il vostro DNA risponde generando in voi il desiderio di mangiare il frutto. Diciamo che c'è un programma nel vostro inconscio: che un giorno avrete un incidente dove potrete perdere una mano o una gamba. Poi c'è un altro uomo che pensa che un giorno avrà un incidente dove qualcuno potrà perdere una mano o una gamba. Poi diciamo che, un giorno, entrambi vi trovate sulla stessa autostrada. I rispettivi DNA cominciano a comunicare tra loro e, alla fine ci sarà un incidente che vi coinvolgerà entrambi. Il DNA, o inconscio, di molta gente ti condiziona e, allo stesso modo, il tuo inconscio, tramite il tuo DNA, condiziona gli altri. Quando, tramite il Bakthi Yoga, Noi lavoriamo sul tuo DNA, attraverso di esso influenziamo 100.000 persone. Ecco perché, se 70.000 persone si risvegliano, il resto dell'Umanità ce la farà molto facilmente. Prossima domanda, prego. Vidhyakarji: Caro Bhagavan, poco tempo fa ci hai detto che, se non ci sentiamo a nostro agio con alcune parti dell'attuale processo Bakthi, siamo invitati a modificarlo secondo la nostra cultura occidentale. Quanta libertà abbiamo da parte tua?

Bhagavan: Le Paduka e la SriMurthi sono gli unici elementi essenziali. Tutti gli altri rituali sono modi di comunicare con il vostro inconscio. L'inconscio risponde molto… (verbalmente?)… ai rituali. Avete completa libertà di cambiare quei rituali, secondo la vostra cultura. Altra domanda, prego.

Vidhyakarji: Caro Bhagavan, suggerisci un intento su gli aspetti di cui dobbiamo essere estremamente consapevoli durante il processo Bakthi Yoga.

Bhagavan: Dovete essere consapevoli del vostro bisogno di importanza. Attenti però: non è che dovete liberarvi del bisogno di importanza. Dovete solo essere consapevoli di questo bisogno. Secondo punto: dovete essere consapevoli della vostra mancanza di gratitudine. Anche qui: non che dovete essere riconoscenti, ma semplicemente consapevoli della vostra ingratitudine. E terzo e più importante: dovete essere consapevoli dell'assenza di amore nel vostro cuore. Anche qui: non dico che dovete amare, ma che dovete essere consapevoli che non c'è amore. Tutto il resto viene automaticamente. Per favore, passiamo alla prossima domanda.

Vidhyakarji: Ultima domanda Bhagavan: c'è qualcosa che ci vuoi dire o condividere con noi?

Bhagavan: Quando vi guardo, sento immenso amore per tutti voi. Sento che la maggior parte di voi saranno membri dell'armata dei 70.000. Per entrare a farne parte, dovrete avere un potente Antaryamin, dovrete essere capaci di bere il nettare, dovrete avere il vostro cavallo e la vostra spada. Poi dovrete andare nella grande sala Satyaloka, dove incontrerete tutti i Grandi Personaggi di ogni epoca. Infine dovrete essere risvegliati. Allora farete parte dei 70.000. Ho la netta sensazione che la maggior parte di voi ci sarà. (grida di giubilo)

Vidhyakarji: Bhagavan, vogliamo meditare con te.

Bhagavan: OK





SRI BHAGAVAN CON LA SVIZZERA - 17 APRILE 2011

D: Tu dici che la nostra prigione, l'identificazione con la mente, ha due lucchetti, e che noi possiamo aprire quello interno da soli. Questo lo posso fare con la consapevolezza o tramite la mia relazione personale con il Divino? O con entrambe? E se è con entrambe non è una contraddizione? La consapevolezza, Tu ci insegni, è passività interiore, non fare, pura osservazione dei fatti. Mentre la relazione con Dio è attività interiore e, prima del risveglio, è una faccenda e un desiderio del sé (ego). Grazie mille per l'amore e la saggezza che ci dai.

Bhagavan: Vedi, tutti noi abbiamo la mente coscia e la mente inconscia. Quando dico che tu puoi metterci un po' di sforzo e sistemare questo e quello, voglio dire che tu puoi metterci il tuo sforzo e risolvere i problemi della parte conscia. Ora, per quanto riguarda la parte inconscia, hai sicuramente bisogno di un posto senza il quale i programmi della mente inconscia non possono essere cambiati.

D: Caro Bhagavan, mi spiace molto ma non ti capiamo: vorremmo capirti ma non siamo capaci. Bhagavan: D'accordo, devo parlare più lentamente? Abbiamo la mente conscia e quella inconscia: il 5% dei problemi nascono dalla mente conscia mentre il 95% vengono da programmi che chiamiamo mente inconscia. Quando i problemi emergono dalla mente conscia, puoi metterci il tuo sforzo e risolverli. Quando i problemi nascono da programmi nella mente inconscia, allora avete bisogno della Grazia o di quello che chiamiamo Diksha, senza i quali questi problemi non possono essere risolti. Quindi per i problemi della mente conscia, ti dico, usa il tuo sforzo di consapevolezza. Ma i problemi riguardanti la mente inconscia, ti dico, dipendono dalla Grazia. Questa è la mia risposta alla tua prima domanda. Adesso passiamo alla seconda. D: Ogni volta che ci prometti il tuo sostegno, tu dici "vi aiuteremo" o "ci prenderemo cura del problema" o "questo è compito nostro". Qual è il significato di quel "noi"? Sta per Amma e Bhagavan? Oppure Tu e un bel mucchio di esseri Divini? Perché non dici (quasi) mai "Io vi aiuterò" oppure "Io sarò con voi"?

Bhagavan: Io uso molto spesso la parola "noi" e quando uso la parola "noi", intendo Amma e Bhagavan. Per questo continuo spesso ad usare la parola "noi". A volte, ma molto raramente, uso la parola "io". Ma quando uso "noi", significa Amma e Bhagavan.

D: Sri AmmaBhagavan, perché qui in Svizzera i Non-Giver non vengono alle mie (nostre) serate Diksha o ai corsi Awakening? Perché non li attraggo come un magnete? Cosa posso fare? Dipende dalla mia poca sensibilità? O dal fatto che non sono risvegliato? Per favore liberami dal bisogno di fare cose. Grazie.

Bhagavan: La nostra ricchezza, la salute, le relazioni, i successi, i fallimenti o qualunque cosa succeda nelle nostre vite, viene controllato da programmi della mente inconscia. Ora, se la gente non è attratta da te: se un numero sufficiente di persone non viene, vuol dire che c'è qualche programma negativo nella tua coscienza, che crea questa situazione. Man mano che tu continui a dare Diksha, molto naturalmente, i programmi negativi se ne vanno. Una volta andati, le situazioni nel mondo esterno cambieranno. Noi certamente ti aiuteremo, non preoccuparti.

D: Carissimo Bhagavan, tu hai detto che la qualità che la Svizzera, una volta risvegliata, porterà nel mondo, è l'armonia. In Svizzera abbiamo grosse difficoltà a gestire i conflitti, le aggressioni, i litigi: reagiamo in modo difensivo a queste energie, e, specialmente nel movimento Oneness, dobbiamo affrontare molte disarmonie, che vanno avanti, tra i vari membri, da molti anni. Siccome naturalmente avremmo bisogno di armonia, questi dissidi indeboliscono il movimento Oneness in Svizzera, invece di rafforzarlo. Sembra che, sia individualmente che collettivamente, siamo invischiati nei meandri oscuri dell'armonia e non la comprendiamo veramente. Grazie dal mio cuore. Ci aiuteresti a capire la differenza tra vera e falsa armonia? Grazie ancora.

Bhagavan: Le cose buone che accadono nella vita di una persna dipndono dalla buona programmazione del suo inconscio. Mentre gli eventi negativi succedono a causa dei programmi negativi nell'inconscio individuale. Allo stesso modo, qualunque cosa succeda in un Paese, dipende dai programmi nell'inconscio collettivo. Se ci sono programmi positivi nell'inconscio, cose positive succederanno tra la gente di quel Paese. Se ci sono programmi negativi, cose negative succederanno tra la gente di quel Paese. Ora se prendiamo la Svizzera, qualunque cosa tu dica, c'è della programmazione negativa nell'inconscio collettivo, ma so anche che c'è una programmazione tremendamente positiva nell'inconscio collettivo. Così dando e ricevendo Diksha, i programmi negativi verranno annullati: cioè non ci saranno più cariche (emotive, ndt). Mi aspetto che questo succeda alla Svizzera in un anno circa. Dopo questo, la maggior parte della gente in Svizzera…(omiss.) e la Svizzera…(omiss.). Lo vedrete.

D: Caro Bhagavan, quando osservo le mie azioni negative, mi sento in colpa e ho paura che il karma negativo, che sto creando, mi tornerà indietro nelle prossime vite. Cosa posso fare con queste paure?

Bhagavan: L'unico modo di trattare queste paure è l'intensa consapevolezza. La consapevolezza è la chiave per risolvere tutti questi problemi che nascono dall'incoscienza. Passiamo ad un'altra domanda.

D: Quello che sperimentiamo all'esterno, specialmente le cose negative, sono conseguenza del karma delle vite passate, o sono solo un riflesso della nostra coscienza in quel momento?

Bhagavan: Tutto quello che tu sperimenti nel momento presente, dipende da quello che c'è nell'inconscio. l'inconscio…(omiss.)ricordi del passato. E sono i ricordi del passato che alimentano il karma. Quindi tutto ciò che accade…(omiss.) karma.

D: Caro Bhagavan, quanto dovremo aspettare per superare le barriere mentali degli scienziati convenzionali e di quelli che ci governano, che non accettano il fatto che ci sono nuovi modi per risolvere i problemi? Infatti la fisica quantistica ci insegna che l'universo ci può offrie possibilità infinite. La mia gratitudine a Te e ad Amma è infinita. Grazie.

Bhagavan: Ci saranno cambiamenti in tutti i campi dell'Umanità, dopo il 2012. Così, tutto quello che avete pensato o desiderato per voi, lo potreste veder apparire dopo il 2012. Ora dovremmo passare alla meditazione.

D: Caro Bhagavan, ti voglio spiegare come mai c'è stata poca risposta (da parte nostra, ndt): è perché non ti sentivamo bene. Ecco il motivo per cui la gente non ha risposto molto: non riuscivamo a capire. Ma speriamo di capire di più ascoltando in seguito la registrazione con le tue risposte. Siamo molto felici di fare una meditazione con te. Grazie mille Bhagavan.

Bhagavan: Anch'io sono molto felice di aver passato del tempo con tutti voi. Voglio molto bene a tutti.





SRI BHAGAVAN CON 1000 PERSONE A TAIWAN - 14 APRILE 2011

Sada: Caro, amato Bhagavan, siamo così felici di vederti qui a Taiwan. Come vedi in questa sala abbiamo tante tante persone che sono interessate al risveglio. Per questo momento emozionante, siamo felici di farti nove domande. Per favore, guidaci Tu, caro Bhagavan. Per favore condividi le Tue parole con noi per queste nove domande. Ora io passo il microfono a Rahasya per le domande.

Domanda 1: Caro Bhagavan, sono onorato di leggere le domande di tanti amici qui presenti. Qui tante persone non conoscono la Oneness. Come possiamo condividere la Oneness? E che cosa è il risveglio?

Bhagavan: Uno dei modi più facili per condividere la consapevolezza è quello di aiutare le persone che sono in difficoltà. Se una persona è in difficoltà, gli puoi offrire aiuto tramite il Diksha. Se il Diksha funziona, la persona vorrà saperne di più e così si interesserà alla Oneness. Questo è uno dei modi più facili per far sì che le persone prendano coscienza della Oneness.

Per quel che riguarda il risveglio, tutto sembra perfetto per la persona risvegliata. Mentre per la persona non risvegliata non c'è niente che sembri totalmente perfetto. E c'è lotta per rendere le cose perfette e, in questa lotta c'è resistenza. Mentre per il risvegliato, che vede ogni cosa come perfetta, non c'è assolutamente nessuna lotta. E dato che non c'è nessuna lotta, egli stesso svanisce. Una volta che tu, come entità individuale, non ci sei, sei risvegliato.

Domanda 2: Caro Bhagavan, cosa succederà a Taiwan, all'Asia e a tutto il mondo prima del 2012?

Bhagavan: Il livello di coscienza delle persone in tutto il mondo ha cominciato a crescere. Alcuni avvenimenti che stanno avendo luogo, per esempio nell'Asia Occidentale, sono il risultato di questa crescita del livello di coscienza. Nel 2011 e 2012, vedremo una sempre maggior crescita della coscienza umana. Il risultato sarà che le persone potrebbero sviluppare una nuova percezione del mondo, di loro stessi e degli altri. Questi nuovi livelli di coscienza o queste nuove percezioni riducono …. (non si sente la parola - ndt) ci cominceremo a muovere verso un'Età di Unità (Oneness).

Domanda 3: Caro Bhagavan, che ruolo avrà Taiwan nel processo di risveglio dell'Asia?

Bhagavan: Ogni nazione contribuirà alla Oneness con una sua caratteristica peculiare. Come, per esempio la Germania porterà ordine nella Oneness. Taiwan porterà amore alla Oneness.

Domanda 4: Questa domanda tocca in profondità molte persone. A causa dello tsunami e delle radiazioni nucleari causate dal terremoto in Giappone, i media hanno creato un gran panico nella gente. Come possiamo far fronte a ciò, per la gente che non ha fede o che non sa nulla della Oneness? Per favore dicci come fare in questi casi, sia dal punto di vista fisico che spirituale.

Bhagavan: Se vuoi aiutare la gente in una certa zona con cui non sei in contatto fisico, allora i DG si dovrebbero riunire tutti insieme in un posto, mettersi davanti la carta geografica del posto e dare tutti insieme collettivamente il Diksha sulla carta geografica. In questo modo la gente del posto riceverà il Diksha. Questa forma di Diksha è anche molto molto potente e vedrete i risultati desiderati, anche se la gente del posto penserà di aver fatto tutto da sola. Questo è il modo di aiutare la gente coinvolta dallo tsunami o da qualsiasi altro problema.

Domanda 5: Un'altra domanda collegata allo stesso argomento. Caro Bhagavan, negli ultimi anni ci sono stati tanti disastri. Qual è il significato nascosto dietro questi disastri? O meglio qual è l'insegnamento da trarre per noi esseri umani? In altre parole, quando dobbiamo affrontare questi disastri, a parte la paura, qual è il tipo di atteggiamento che dovremmo avere?

Bhagavan: Qualsiasi siano le ragioni fisiche, in effetti, questi disastri sono causati da quello che chiamiamo l'inconscio collettivo. Il messaggio è quello di abbandonare i vecchi sistemi basati sulla separazione e sviluppare l'amore tra gli esseri umani. La paura è una risposta negativa e non ci aiuterà. Dobbiamo cominciare innanzitutto con l'amare noi stessi e poi sviluppare l'amore nella famiglia. Dopo di che tutto il resto avviene automaticamente.

Domanda 6: Caro Bhagavan, tutti noi sappiamo che l'equilibrio di corpo, mente e spirito è la chiave per il risveglio. Ma come possono fare quelle persone che hanno malattie croniche ad andare al di là delle loro limitazioni e arrivare al risveglio?

Bhagavan: Coloro che hanno una malattia cronica devono focalizzarsi sulla propria malattia. Mano a mano che si focalizzano sulla propria malattia, naturalmente verrà stimolato il processo di risveglio.

Domanda 7: Caro Bhagavan, per la gente che è morta in questi disastri, ciò è avvenuto a causa delle loro scelte, della scelte della loro anima, o a causa del karma o per qualche altra ragione?

Bhagavan: E' causato dal loro inconscio che chiamiamo karma. L'inconscio è quello che chiamiamo karma.

Domanda 8: Caro Bhagavan, sul cammino per giungere al risveglio, possiamo ancora realizzare i desideri della vita mondana, quali ricchezza e raggiungimenti o dobbiamo rinunciare ad ogni altra cosa e focalizzarci solo sulla spiritualità?

Bhagavan: Non c'è assolutamente nessun conflitto tra quello che chiamiamo spirituale e mondano. Si può benissimo crescere spiritualmente anche perseguendo degli obiettivi mondani. Tutto ciò di cui c'è bisogno è una grande consapevolezza di ciò che si fa. La consapevolezza è la chiave. Quel che si persegue non è importante.

Domanda 9: Caro Bhagavan, cosa è Dio? Cos'è il Divino? Qual è il rapporto tra uomo e Dio?

Bhagavan: L'uomo e Dio sono due estremi dello stesso spettro. Se le cellule del corpo umano vengono considerate come singoli esseri umani, allora il corpo umano costituito da tali cellule è Dio. Non c'è corpo umano senza cellule, allo stesso modo, non ci sono cellule senza corpo umano. Non c'è nessun Dio senza esseri umani e nessun essere umano senza Dio. Il rapporto tra uomo e Dio è lo stesso che tra genitore e figlio.

Grazie molto Bhagavan, adesso penso che mediteremo con te. E' stato molto bello vederti.



SRI BHAGAVAN CON LA RUSSIA - 15 APRILE 2011

Domanda 1: Caro Bhagavan Tu dici che il Risvegliato non fa nulla eppure non tralascia nulla, perché tutte le cose accadono sempre intorno al Risvegliato e tramite lui". Quindi quando sei Risvegliato hai ancora il desiderio di raggiungere tutti gli obiettivi di carattere materiale, per esempio diventare ricco, creare e sviluppare un'attività, prendere parte alla lotta competitiva, etc. etc.? Ci potresti dire come appare tutto ad un osservatore distaccato? E come ci si sente dentro quando si è risvegliati? Cosa significa "Tutto avviene automaticamente?" Significa che le cose succedono e le decisioni vengono prese e il Risvegliato le vede come se stesse al cinema? E la vita per il Risvegliato è ancora interessante, visto che non fa nulla? Grazie, e grazie per stare con noi.

Bhagavan: Ora, supponiamo che tu stia guidando la macchina sull'autostrada e vai molto veloce. E poi all'improvviso ti trovi davanti un camion e quindi freni immediatamente. Chi ha adoperato i freni? Tu non l'hai fatto. E' stata la tua mente inconscia che ha frenato. La mente inconscia è 2 milioni di volte più potente della mente cosciente e il più delle volte è l'inconscio che fa il lavoro. Ma la mente cosciente pensa di essere lei a farlo. Il non risvegliato si prende il merito per tutto quello che fa la mente inconscia. Il Risvegliato è pienamente consapevole che è l'inconscio che funziona per la maggior parte del tempo. La persona risvegliata è testimone costante del lavoro della mente inconscia; quindi vedendo che tutte le cose vanno avanti da sole, sente di non fare nulla. Quindi non dovresti immaginare che il Risvegliato non fa effettivamente nulla, perché in effetti il Risvegliato fa tante cose, solo è lui che sente di non fare nulla. Proprio come quando tu agisci sui freni della macchina e sai che non lo hai fatto tu. Il Risvegliato può fare tutto quello che fa il non risvegliato. Può fare soldi, diventare ricco, avere una famiglia, può avere tutto eppure sentirà di essere solo l'osservatore di tutto questo.

Domanda 2: Caro Bhagavan, Tu dici che per il Risvegliato ogni cosa è perfetta. Ciò significa ch'egli non ha incentivi a cambiare nulla intorno a sé. Allora cosa succederà al progresso tecnologico nell'Età dell'Oro? Come avverrà? E come avverranno i cambiamenti nelle vite delle persone? Si fermerà tutto? Con amore.

Bhagavan: La mente inconscia di cui ho appena parlato creerà i cambiamenti, il progresso scientifico, tecnologico, tutto sarà come al solito, ma ogni cosa avverrà molto, molto più velocemente. La sola differenza è che tu sarai uno spettatore, un testimone.

Domanda 3: Namastè prezioso e amato Bhagavan, da qualche parte, in profondità dentro di me, io credo che UN GIORNO (forse fra un mese) avrò l'illuminazione, ma non oggi. La mia mente decide il momento in cui questo succederà e non c'è in me una vera fede che ciò possa accadere adesso. Questa mia convinzione può ritardare il momento dell'illuminazione oppure non è considerata un ostacolo dal Divino? Ti amo tanto, per favore Bhagavan benedici tutti noi e dacci l'illuminazione e la realizzazione di Dio.

Bhagavan: E' proprio questa mancanza di fede delle persone il vero problema che dobbiamo modificare.

Domanda 4: Caro Bhagavan, prima pensavo di comunicare con Te facilmente e costantemente dentro di me. Ma da quando ho cominciato a fare il Bhakti Yoga a casa, ogni cosa mi sembra artificiale. Quando faccio il rituale la mia mente non riesce a capire che senso ha fare le offerte visto che il Divino non userà quello che io offro. E quindi non ci vedo nessun senso, vedo apparire le mie resistenze e non sento nulla. Faccio tutto meccanicamente, come se stessi facendo un esercizio che devo fare. La comunicazione col Divino durante il Bhakti Yoga diventa strana e innaturale per me. Non mi viene dal cuore. Mi sembra proprio innaturale. Bhagavan, cosa posso fare a questo punto? Come posso fare a sentire quello che faccio?

Bhagavan: Mentre facciamo il Bhakti Yoga, noi cerchiamo di collegarci, di connetterci alla mente cosciente collettiva, che è oltre l'inconscia, che chiamiamo Dio. Dobbiamo passare attraverso la mente inconscia prima di metterci in contatto con la mente cosciente collettiva, che chiamiamo Dio. La mente inconscia capisce i simboli e i rituali. Perciò abbiamo questi simboli e rituali. Se, comunque, tu ti senti a disagio con i rituali, allora dovresti trovare il tuo modo di comunicare con l'inconscio.

Domanda 5: Caro Bhagavan, è importante, quando facciamo i rituali che fanno parte del Bhakti Yoga, seguire il modo tradizionale di farli che abbiamo visto in India? Oppure la cosa principale qui è la nostra comunicazione con il Divino mentre li facciamo? Se non lo facciamo correttamente al 100%, se non abbiamo tutte i componenti necessari per questi rituali, quanto viene influenzato il potere del rituale stesso?

Bhagavan: Non è che dovete essere precisi al 100%. Ciò che è importante è l'intento che è alla base del rituale. Se l'intento è accurato al 100% anche se il rituale non è esatto al 100% otterrai comunque il risultato.

Ora meditiamo per qualche minuto. L'intero scopo di questa meditazione è di portarti attraverso l'inconscio e metterti in contatto con quella che chiamiamo la mente cosciente collettiva che chiamiamo Dio. Se riusciamo a far questo è tutto fatto.



MESSAGGIO DA SRI BHAGAVAN - 20 marzo 2011

Risvegliatevi al vostro destino, cioè quello per cui siete qui… è nella natura della creazione mantenere misterioso il futuro…
Comunque quello che dovreste fare nel vostro futuro, lo dovete decidere voi.
Arrendersi non implica pigrizia.
Voi avete la forza e la capacità di fare le vostre scelte. Usate tutte le opportunità che vi si presentano: vi aiuterà a raggiungere gli obiettivi desiderati.
Per un futuro glorioso il desiderio deve fiorire nella passione e manifestarsi nell'azione.
La vostra attenzione deve essere focalizzata sul vostro obiettivo.
Arrendersi al Divino non significa non agire. Questo è "Karma bhumi" il pianeta dell'azione. Per cui lo sforzo, nel mondo esterno, è inevitabile.
La mia grazia vi accompagnerà nei vostri sforzi.
Trasformare il mondo non è responsabilità solo dei saggi e dei veggenti.
Creare un mondo migliore è responsabilità di ciascuno di voi. In questa lotta per la sopravvivenza…l'innocenza, l'amore e i valori sono stati perduti.
Siete voi che dovete sostenere questi valori.
Non consideratevi esseri ordinari.
Ognuno di voi ha in sè l'infinito potere del divino.
Voi avete il potere di vedere Dio nel cuore di ogni essere umano, e una volta cominciato a vedere il Divino in ogni uomo, sarete capaci di amare ogni essere vivente, ogni individuo. Tramite voi il potere di Dio fluirà nel mondo. Grazie a voi l'intero mondo potrà essere risvegliato.
L'atto di prendervi questa responsabilità è l'inizio dell'Età dell'Oro.



SRI BHAGAVAN CON LA NUOVA ZELANDA - 12 MARZO 2011

Domanda 1: Caro Sri Bhagavan, una volta ho visto un essere dorato nel mio petto immediatamente dopo aver ricevuto un diksha, nel 2005. In seguito a questo evento sono rimasto in uno stato di pieno risveglio per molte settimane e poi è arrivata la mente ed è stato come se si fosse spenta la luce con l'interruttore. Ho poi passato vari anni a chiedermi cosa fosse successo e a sperare che quello stato ritornasse e, alla fine, un bel giorno è tornato. Quando l'essere dorato è riapparso mi sono sentito come sopraffatto, tanto che pensavo di morire. E lui mi ha parlato. Allora ho avuto l'esperienza di un'esplosione di paura estremamente forte, tanto che l'essere è sparito così velocemente come era arrivato. Questo essere sembra molto "particolare", difficile abituarcisi. Io continuo a fare contemplazione su di lui e mi chiedo cosa sia effettivamente, chi sia, da dove venga, e quale sia il suo scopo. Mi puoi, per favore, far superare questo blocco e spiegarmi cosa è questo essere dorato? Grazie molto, con tutto il mio rispetto, il tuo umile servo, Tim

Bhagavan: Questo essere lo chiamiamo Prajapati. Quando è cominciato il fenomeno della Oneness, quel che è apparso per prima cosa è stata la Sfera Dorata, poi questa ha preso la forma di Prajapati, che è un essere estremamente amichevole e il momento in cui tu cominci a perdere la tua paura puoi effettivamente parlarci come con un amico e lo scopo di questo essere è di portarti al risveglio. Quindi se perderai la paura di questo essere lui diventerà fortissimo e completamente capace di darti il risveglio.

Domanda 2: Caro Bhagavan, sono preoccupata per mio figlio, che ha 24 anni e gli è stata diagnosticata la schizofrenia 3 anni fa. Come posso aiutarlo a riprendersi e a vivere appieno la vita? E' molto intelligente e gentile e vuole tornare a star bene ed essere felice. Sta prendendo delle medicine che hanno tanti effetti collaterali. Vorrebbe fare lo scrittore, ma attualmente non riesce nemmeno a leggere un libro. Gli do il diksha con l'intento tutti i giorni e sono grata di questa opportunità che ho di aiutarlo. Grazie.

Bhagavan: Lo aiuterò.

Domanda 3: Se il corpo fisico e quello energetico fanno esperienza di dolore, fatica e sofferenza, questi arrestano il processo del risveglio? E come si può guarire il corpo fisico in modo che sia libero dalla sofferenza?

Bhagavan: Il dolore nel corpo fisico o energetico non ostacola il processo del risveglio e, mano a mano che guarisci il corpo energetico naturalmente guarisce anche quello fisico.

Domanda 4: Caro Sri Bhagavan, è interessante vedere l'onda di libertà, vedere che è iniziata in Medio Oriente in questo momento di grande e crescente energia della Oneness. E' simile al fenomeno dell'89 quando l'energia è arrivata e il Comunismo è caduto nell'Europa Orientale, dando tanta più libertà a milioni di persone. In questo momento c'è una possibile minaccia per la libertà della gente in Nuova Zelanda, dato che il nostro governo sta elaborando un accordo di commercio libero con gli USA, che ha la potenzialità di limitare e condizionare le nostre libertà in molti modi. Questo accordo rafforzerà l'influenza delle società farmaceutiche e creerà difficoltà nell'acquisto di erbe medicinali e altri rimedi naturali alternativi. Inoltre permetterà alle grosse società multinazionali come la Monsanto di promuovere gli OGM nel nostro paese. Cosa possiamo fare per evitare il pericolo prima che arrivi?

Bhagavan: Quello che è successo nell'89 sta succedendo ora con l'approssimarsi del 2012. La gente raggiungerà stati di coscienza superiori e di conseguenza ci possiamo aspettare che abbia anche una maggiore libertà. Mano a mano che sempre più persone cominceranno a vivere in stati di coscienza superiori, non credo che ci dovremo preoccupare di questi problemi perché si risolveranno naturalmente.

Domanda 5: Vorremmo sapere quale è il ruolo della Nuova Zelanda nella creazione di questo risveglio globale. Molti pensano sia importante la sua posizione geografica, al levar del sole, come dar l'avvio ad una nuova giornata per il resto del mondo? Recentemente abbiamo avuto un terremoto e Tu parli della transizione della Terra nei tuoi insegnamenti. Potresti spiegarci l'importanza di questo terremoto a proposito del risveglio globale? Ti ringraziamo dal profondo del cuore per mantenere al sicuro la nostra famiglia Oneness e ti chiediamo di benedire coloro che hanno perso i loro cari, le case o altro. E, per favore, Bhagavan, continua a tenerci al sicuro perché temiamo che ci possano essere altri terremoti e non sappiamo dove….

Bhagavan: I terremoti che ora ci troviamo ad affrontare aiutano in modo molto complesso il processo del risveglio. Non è importante capire come realmente ciò avvenga, ma quel che è importante è sapere che aiutano, anche se in modo complesso, il processo del risveglio. La Nuova Zelanda grazie alla sua posizione geografica unica, ha sicuramente un suo ruolo. Tutte le nazioni hanno un ruolo specifico, a seconda della loro posizione, e la Nuova Zelanda ha sicuramente una localizzazione fisica che le conferisce un ruolo importante, perché ogni parte del globo deve essere risvegliata, per una trasformazione globale. E noi sicuramente aiuteremo la gente a far fronte alle calamità. Come ho detto una volta, se siete DG o Trainer sarete sicuramente salvi, sarete aiutati nonostante qualsiasi terremoto o tsunami. Quindi noi aiuteremo quelle persone che saranno colte da calamità, tutte le benedizioni sono con voi.

Domanda 6: Quando dici che "ogni cosa avviene automaticamente" intendi parlare dello stato del risvegliato? Oppure ogni cosa avviene automaticamente anche per chi non è risvegliato? Mi preoccupo che ci mettiamo tutti a sedere e non fare nulla dicendo: "bene, tutto avviene automaticamente e io devo essere completamente impotente, affidarmi completamente in modo che il Divino possa intervenire". Il mondo è nello stato in cui è perché la mente crede di essere in controllo e se la mente accettasse che tutto avviene automaticamente, ci risveglieremmo?

Bhagavan: Sia che tu sia risvegliato o meno, comunque le cose avvengono automaticamente. Questi insegnamenti ci sono ma non vanno praticati. Non puoi praticarli e vedere le cose che avvengono automaticamente o stare lì seduto e dire che tutto avviene automaticamente. Una volta che sei risvegliato vedi che tutto avviene automaticamente. Non è che ti metti a sedere e stai lì fermo. Anzi, una volta che sei risvegliato sei molto più attivo, ma vedrai le cose come se stessero accadendo automaticamente. Questi insegnamenti non si praticano assolutamente. Sono lì solo per farti vedere che sei risvegliato, o meglio ancora, che non sei risvegliato. Se praticassi questi insegnamenti ti metteresti in guai seri, perché non possono essere praticati.

Domanda 7: Cosa pensi e senti sulla Nuova Zelanda e la sua gente in questo momento attuale? C'è qualcosa di specifico, oltre dare il diksha, che noi possiamo fare per aiutare il paese?

Bhagavan: Oltre alla sua localizzazione strategica, penso che tanto lavoro si debba fare con le popolazioni indigene. Questo sarebbe un ottimo contributo al risveglio globale.

Domanda 8: Perché mi "godo" così tanto la sofferenza che non riesco a farne a meno?

Bhagavan: E' a causa di quello che ti è successo alla nascita. Forse qualche attimo prima di venire alla luce, ti è successo qualcosa ed è per quello che ti senti come "dipendente" dalla sofferenza. Ma si può rimettere a posto.

Domanda 9: Caro Bhagavan, per favore ci spieghi il gioco che intercorre tra la discesa del Divino e l'apertura dei chakra e la salita dell'energia di Kundalini attraverso la nadi Sushumna fino al Sahasrara ed il processo del risveglio?

Bhagavan: Mano a mano che Kundalini sale ed apre ogni chakra, anche alcune parti del cervello vengono aperte (attivate). Ogni chakra è come un interruttore per una parte specifica del cervello, e quando la Kundalini sale e si muove in un chakra e lo attiva, la corrispondente parte del cervello viene attivata. E più il cervello viene attivato, maggiore è la discesa del Divino. Quindi da una parte c'è l'ascesa della Kundalini e dall'altra c'è la discesa del Divino.

Perciò ci sono due triangoli, uno che va in su e uno che va in giù, e questi si incontrano in quello che chiamiamo Sahasrara (chakra della corona, settimo chakra in cima alla testa, ndt) e poi di nuovo scende e si stabilizza in quello che si chiama Muladhara (primo chakra). Non è che deve restare sempre nel Sahasrara. Nel Sahasrara c'è l'unione/incontro e poi gradualmente viene giù e si sistema nel Muladhara. È come avere uno stato di picco e poi scendere, ma non scendere fino in fondo, al punto iniziale, ma quasi a metà strada e fermarsi lì. Ma è inutile parlare tanto di questo, ne va fatta l'esperienza.

Domanda 10: Da quando sono arrivato in Nuova Zelanda dalla Gran Bretagna, 16 anni fa, ho sempre sentito che la Nuova Zelanda ha potenzialmente un suo ruolo veramente unico nel creare una cultura di pace e di cuore e farne un modello per tutto il resto del mondo. Puoi dirci quali doni possiamo sviluppare qui in Nuova Zelanda e offrire e come possiamo creare un equilibrio tra il lavoro interiore del risveglio e il nostro essere le mani e i piedi di Dio nel mondo?

Bhagavan: La Nuova Zelanda ha una posizione geografica unica per produrre una bella cultura, ed una bella civiltà equilibrata e ciò succederà probabilmente piuttosto presto. Ora mediteremo 5 minuti.



SRI BHAGAVAN CON L'AUSTRIA - 27 FEBBRAIO 2011

D1 - Nel nostro mondo occidentale competitivo, saremo capaci di provvedere a noi stessi ed alle nostre famiglie, dopo che ci saremo risvegliati?

Bhagavan: Il Risvegliato è un essere molto responsabile e si preoccupa molto delle persone intorno a lui. Qualunque sia la situazione, il Risvegliato la saprà gestire senza sforzo.

D2 - Sento che è molto importante costituire delle comunità dove ci si incontri regolarmente e si sostenga il risveglio globale. Come mai, persino nella famiglia Oneness, creare queste comunità è così difficile e si procede così lentamente? Cosa possiamo fare per sostenere la creazione di comunità?

Bhagavan: Sarebbe utilissimo creare comunità Oneness, ma le cose non sembrano accadere in numeri rilevanti, però vediamo che tentativi vengono fatti in varie nazioni. Penso che nei prossimi 2-3 anni molte comunità nasceranno in tutto il pianeta.

D3 - Sri B. hai detto che nella 13° fase il potere verrà trasferito sul genere umano. Cosa significa esattamente?

Bhagavan: Nella 13° fase abbiamo rilasciato quello che ora chiamiamo BakthiYoga ed i Trainer che conducono il BY devono invocarci dentro la SriMurti o nelle Paduka e poi devono controllare se siamo entrati o no. Una volta che ci avete invocati, dovete verificare se ci siamo o no, sentendo il nostro battito cardiaco nella SriMurti o nelle Paduka. Dovrete sentire sia il battito di Amma che quello di Bhagavan, che sono diversi tra loro. Una volta che noi siamo lì, potete connettervi al vostro Dio o a qualsiasi maestro o insegnante, di cui seguite gli insegnamenti. Potete usare quegli insegnamenti, c'è completa libertà, ma per iniziare il processo, dovete invocare noi. Quindi quello che vi stiamo dando è il potere di invocarci. Questo è il potere che stiamo trasferendo nella 13° fase.

D4 - C'è qualcosa che possiamo fare per favorire il processo di Risveglio per l'Austria, con le sue caratteristiche culturali?

Bhagavan: Per quanto riguarda l'Austria, se riuscirete a lavorare collettivamente, otterrete grandissimi risultati.

D5 - Caro adoato Bhagavan, non riesco a sentire le mie emozioni. Sento pace e calma, ma non son sicuro che sia un buon segno. Vorrei entrare in contatto con le mie emozioni. Come faccio? Grazie caro B. per la tua risposta.

Bhagavan: Devi iniziare dalle piccole cose: come il diventare consapevole del tuo respiro, dei movimenti del corpo, di come cammini, di quando ti spazzoli i denti. Puoi iniziare da cose fisiche, prendendo consapevolezza degli aspetti fisici. Continuando così, naturalmente e senza sforzo, entri in contatto con le tue emozioni.

D6 - Amato B. ho partecipato al Livello 1, Livello 2 e Corso Trainer, alla Oneness University. Durante questi processi sono insorte in me molte paure e sono riuscito a risolverle. Ma ci sono ancora paure e conflitti che continuano a presentarsi. Ci sarà mai un momento nella mia vita in cui tutto questo cesserà? Quando succederà? Cosa ci consigli?

Bhagavan: Non c'è bisogno di essere completamente liberi, per risvegliarvi. E, una volta risvegliati, la paura non vi disturberà più.

D7 - Amato Bhagavan, ci sono tante aspettative intorno a questo concetto del Risveglio. Queste aspettative stanno diventando un ostacolo sul nostro sentiero spirituale e nella nostra crescita. Non riusciamo a liberarcene. Qual è la tua soluzione per questo straordinario problema?

Bhagavan: Al momento questo è un problema, ma nei prossimi mesi, man mano che sempre più persone si risvegliano, cesserà di essere un problema.

D8 - Che ruolo ha la Bakthi (devozione, ndt) nel processo del Risveglio?

Bhagavan: La Bakthi è la scorciatoia verso il Risveglio. E' facile e molto veloce. In India si crede che 5000 anni fa ci fu un saggio che predisse che gli abitanti del mondo avrebbero percorso il sentiero del Risveglio cantando e ballando. Questo è possibile solo se c'è la Bakthi o Devozione. E noi pensiamo che stia accadendo ora.

D9 - Cosa succederà al nostro sistema economico nei prossimi anni? Il capitalismo, così come lo conosciamo, si dissolverà? O si svilupperà in un più equo sistema di scambio? Così che tutta la ricchezza che c'è possa maifestarsi per tutti allo stesso modo?

Bhagavan: Sta emergendo un nuovo sistema, che non sarà nè capitalismo nè socialismo. Cosa sia, nessuno ancora lo sa al momento. Ma arriverà presto, nell'immediato futuro. La sua comparsa vedrà la fine dell'attuale modo di gestire l'economia e la nascita dell'Età dell'Oro.

D10- Caro Bhagavan, ho riflettuto sugli insegnamenti della Oneness e sui messaggi settimanali (grazie per tutti gli input). La mia mente riesce a seguire questi insegnamenti, il mio cuore ne assorbe la saggezza, eppure sono intrappolato nei miei condizionamenti. C'è qualcos'altro che posso fare?

Bhagavan: La cosa migliore è diventare Risvegliato. Se siamo 70.000 persone risvegliate, trasformeremo il mondo. 12- Possiamo guarirci da soli dai malesseri fisici con la presenza divina? E se si può, come? B. Se hai problemi fisici devi fare il BakthiYoga e devi prendere il Diksha dalle Paduka: devi pregare per la guarigione del tuo problema e poi toccare le Paduka. Le Paduka si muoveranno allora automaticamente verso il tuo corpo e faranno molte cose al tuo corpo. Probabilmente in una, due o tre sedute le Paduka ti guariranno. Magari perderai i sensi, ma non spaventarti. E' sempre bene avere qualcuno vicino. A volte le Paduka lavoreranno su di te per ore. Dovrai aspettare con pazienza che il processo si esaurisca. Le Paduka potrebbero operare guarigioni stupefacenti.. 13- Il Diksha, che mi dò da solo, ha lo stesso potere del Diksha che ricevo da un altro? B. Il Diksha, sia che te lo dia un altro, sia che te lo dai da solo, è lo stesso, perché la sorgente è la stessa.



SRI BHAGAVAN CON LA REPUBBLICA CECA E LA SLOVACCHIA - 26 FEBBRAIO 2011

D1 - Caro Bhagavan ci sono persone intorno a noi che soffrono molto, sebbene noi preghiamo per loro e facciamo del nostro meglio per aiutarle, e sebbene loro conoscono e praticano gli insegnamenti della Oneness, ricevono il Diksha e sono persino DG, eppure il problema non si attenua. C'è qualche modo per alleviare la loro sofferenza?

Bhagavan - Se il Diksha non riesce a risolvere il problema, allora devi scoprire dove sta il problema. Esso può derivare da quelle che chiamiamo 'vite precedenti', o dal periodo intrauterino, o dal trauma del parto. Deve trovarsi da qualche parte lì. Bisogna rintracciarlo, e poi il DG deve risolvere quel particolare problema. Se c'è un problema legato ai soldi e il Diksha non aiuta, allora probabilmente, mentre lui era ancora nell'utero, il padre o la madre o entrambi devono aver avuto preoccupazioni economiche. In un caso del genere il semplice Diksha non basta a risolvere il problema ?nanziario. In quel caso devi dare un Diksha che cambi i pensieri avuti in quella situazione, mentre era nell'utero della mamma. Allora scoprirai che il problema si scioglie naturalmente. Allo stesso modo, se ci sono stati intralci durante il processo del parto, potresti ugualmente avere problemi economici. Allora dovrai indirizzare il Diksha verso la risoluzione di quel viaggio traumatico fuori dall'utero. Quindi dovresti avere un elenco di tutti i possibili problemi che potrebbero essere la causa di quelle difficoltà economiche. Poi dai il Diksha per guarire quei problemi, uno per uno. Quando tutti i problemi saranno guariti, troverai che quella dif?coltà ?nanziaria sarà naturalmente risolta. Lo stesso vale per tutti i problemi. Essi derivano da quelle che noi chiamiamo 'vite precedenti', o dal momento del concepimento, o dal periodo intrauterino e in?ne dall'uscita dall'utero e dal parto. Quindi la maggior parte dei problemi della vita possono essere ricondotti a ciò che successe allora, e li possiamo sempre risistemare con l'aiuto del Diksha. Allora vedrete ottimi risultati realizzarsi nella vita attuale. Se il Diksha non funziona direttamente, questa è la strada da seguire.

D2 - Caro Bhagavan, molti di noi sono ancora privi di molti beni materiali nella vita e questo ci impedisce di appassionarci come si deve al Risveglio. Così ci preoccupiamo solo della salute o della ricchezza, mentre la relazione con Dio, o Divino, e il Risveglio sono le ultime cose che ci interessano. C'è un modo per superare questo problema, o è meglio soddisfare quei desideri e poi trovare Dio e la giusta passione? Inoltre, come aiutare altri con lo stesso problema?

Bhagavan - Se ci sono problemi economici, di salute, di relazione, o altro, allora date prima attenzione a questi. Solo dopo potete passare al Risveglio o alla realizzazione di Dio. Non prima. Allo stesso modo, quando incontrate persone con gli stessi problemi, mettete l'attenzione prima a questi problemi pratici. Solo dopo dovrete passare al Risveglio o alla realizzazione di Dio.

D3 - Carissimo Bhagavan, puoi dirci per favore come potremo capire di essere Risvegliati o di aver realizzato Dio?

Bhagavan - Vi diamo degli insegnamenti ogni settimana e questi insegnamenti dovrebbero aiutarvi a capire se siete risvegliati o meno. Inoltre servono anche ad aiutarvi a capire che non siete ancora risvegliati, nel caso non lo siate.

D4 - Amato Bhagavan, negli ultimi giorni o settimane sento sempre più dolore dentro di me. Può avere milioni di ragioni o nessuna ragione seria. Anche salutare o incontrare una persona può essere doloroso. Non so da dove venga questo dolore, ma è molto forte. Non ha ulteriori effetti e non innesca reazioni: è solo dolore presente. Non so più se è mio, o se sento il dolore altrui, perché, alcune volte mi è successo anche questo, e non so cosa fare. Devo per forza passarci? Non so come reagire, non so come affrontarlo. Non so nemmeno se sia possibile. Faccio Pranayama e Sadana ogni giorno, ma sembra che non funzionino più. Al fondo di ogni cosa c'è solo dolore. Dietro e sotto ogni aspetto di questo mondo c'è solo dolore. Non importa se chiamiamo le cose buone o cattive, tutto è fatto di profondo e interminabile dolore. L'ho sentito per la prima volta alla conferenza di Londra…(omiss)...e le mie domande e desideri sono spariti. Ci puoi dire qualcosa su questo? Grazie carissimo Bhagavan.

Bhagavan - Quello che stai descrivendo fa parte del processo naturale di Risveglio. Non è sotto il tuo controllo e non puoi farci nulla. Ma molto presto dovrebbe ?nire, e quando ?nirà probabilmente ti ritroverai Risvegliato. Lascialo perdere. Lascia che segua il suo corso.

D5 - Amato Bhagavan, tu hai detto che chi raggiunge la realizzazione di Dio, passeggerà e parlerà con il suo Dio. Sono rimasto sorpreso nel realizzare che a me è arrivata una Dea, a cui non mi ero mai rivolto. E' possibile che più di una divinità appaia nella nostra vita, o che una divinità prenda l'iniziativa? Ti sono molto grato per tutta la grazia che mi dai, Bhagavan. Ti voglio bene.

Bhagavan - Potresti entrare in contatto con una o più divinità alternativamente o anche contemporaneamente. E' perfettamente possibile.

D6 - Carissimo Bhagavan, per favore, dimmi come mai, tutte le volte che tengo moltissimo a qualcosa e mi impegno molto duramente, rovino sempre tutto? Come mai faccio sempre più danni che bene. Prego ogni giorno che il mio cuore si apra, ma ?nora è rimasto uguale. Grazie per tutto il tuo amore, Bhagavan.

Bhagavan - Questo ha qualcosa a che fare con quello che è successo poco prima che tu fossi partorito. Quando ti faremo rivivere l'esperienza e faremo sì che tu arrivi ad una diversa conclusione, il problema dovrebbe sparire.

D7 - Caro Bhagavan, non ho nessuna relazione con il Divino: non riesco a sentirlo, né ad immaginarlo. Per me è solo una parola, senza nessun sentimento. Forse devo prima creare una relazione con me stesso, poi cercare il Divino. Cosa devo fare? Visto che i tuoi insegnamenti sul Risveglio sono basati su di una profonda relazione con il Divino? Come posso amare il Divino se non credo in Dio?

Bhagavan - Il caposaldo della Oneness è: partire da dove si è, non da dove si vorrebbe essere. Osserva il fatto che non sei consapevole del Divino, osserva il fatto che non hai nessuna relazione con Lui, e semplicemente stai lì. Tutto…è automatico. Se tu scappi da quei fatti e ti sforzi di costruire un legame o cerchi di scoprire il Divino, non succederà nulla. Prendi coscienza della tua situazione, diventa consapevole della tua situazione ed accettala, poi prendi un Diksha ed il processo inizierà.

D8 - Caro Bhagavan, potresti per favore spiegare che il Risveglio non rende la persona irresponsabile ( come invece si potrebbe capire dall'insegnamento di questa settimana: " Il Risvegliato non realizza alcunché, perchè non c'è alcunchè da realizzare. Il Risvegliato non capisce alcunché, perchè non c'è alcunchè da capire. Il Risvegliato non conosce alcunché, perchè non c'è alcunchè da conoscere ma induce le persone a prendere piena responsabilità della propria vita. Come può essere capito nel caso del dirigente di una grossa azienda. Mi rendo conto che, ?nchè non lo si sperimenta, questo stato non può essere capito, ma come spiegare che il Risvegliato non è un menefreghista e può anche rimanere alla direzione di una grossa compagnia? Grazie Bhagavan, ti voglio bene.

Bhagavan - Il Risvegliato è assolutamente responsabile e assolutamente interessato, in modo molto naturale. Responsabilità e interesse non sono solo concetti per lui: sono piuttosto il suo stato naturale. Come il respirare è naturale per l'essere umano, responsabilità e interesse si manifestano naturalmente nella gente Risvegliata, senza nessuno sforzo da parte loro.

D9 - Carissimo Bhagavan, gli insegnamenti della Oneness parlano del vero ascolto. Mi sono accorto molte volte che, quando dialoghiamo, non ci piace sentire i problemi degli altri e, molto spesso, questi dialoghi diventano delle competizioni su chi soffre di più. Siamo così profondamente feriti dentro che l'unica cosa che desideriamo è che qualcuno ci ascolti e, affinchè non lo fanno, non riusciamo ad accettare niente che riguardi gli altri. Come qualcuno a detto: 'tutti vendono, ma nessuno compra'. Ci puoi aiutare ad ascoltarci davvero l'un l'altro? Ci puoi dire come si fa? Ti voglio bene mio caro Bhagavan.

Bhagavan - Uno dei modi più facili di ascoltare gli altri è di imitare la posizione assunta dal loro corpo e di sincronizzare il vostro respiro con il loro. Improvvisamente vi accorgerete che state sentendo esattamente quello che succede dentro di loro. Poi, ad un livello successivo, vi renderete conto di quello che sta succedendo dentro di voi. Da lì in poi, l'ascoltare diventerà un'esperienza bellissima e saprete esattamente cosa fare. Potrebbe essere una carezza sulla testa, tenerli per mano o semplicemente piangere con loro. La vostra risposta potrebbe essere molto varia, ma sarà sempre perfetta. Sarà una risposta naturale, che non viene dalla mente.

D10 - Amato Bhagavan, ultimamente quando guardiamo i notiziari, vediamo notizie che ci spaventano riguardo al nostro futuro: tasse che aumentano, prezzi dei generi di prima necessità che crescono, gente che perde il lavoro… questa è la situazione attuale della nostra società. Non mi meraviglio che la gente non sia interessata in Dio e nella spiritualità. Ci puoi dire come sopravvivere a questa pressione e come mantenere la passione per il Risveglio, ed anche come motivare la gente a prendere in considerazione questo percorso, che potrebbe portarli alla Liberazione. Grazie carissimo Bhagavan.

Bhagavan - Sempre più persone in tutto il mondo stanno scoprendo che farsi portare per mano dal Divino è uno dei modi più facili di affrontare questi problemi. Infatti questo aggrapparsi al Divino è ciò che ci aiuterà a superare queste crisi emergenti. Questo aggrapparsi al Divino è ciò che, alla fine, porterà all'Età dell'Oro.

D11 - Caro Bhagavan, si dice che dovremmo perdonare. Per qualche torto è stato facile, ma c'è qualche persona che non posso perdonare, per quanto seriamente ci provi. Lavoro duramente sul perdono e per un po' riesco a convincermi di non aver più problemi. Poi un giorno vedo quella persona ed anche la più stupida coincidenza fa riaccendere la ferita, il dolore, le emozioni. Ci puoi dire cosa fare? Grazie Bhagavan.

Bhagavan - Se non riesci a perdonare, allora la cosa migliore che puoi fare è di abbracciare questo dolore come faresti con un neonato. Tienilo così, delicatamente senza giudicarlo, condannarlo o giustificarlo. Abbraccia il dolore e fanne l'esperienza. Poi sta a vedere cosa succede, senza nessun preconcetto. Fai così e basta. Il Diksha inoltre ti aiuterà enormemente.

D12 - Amato Bhagavan, da tanto tempo abbiamo perso il senso della sacralità della vita. Molte volte è veramente dif?cile sentire che la vita è sacra, ma la sentiamo piuttosto piena di doveri e sofferenze. Per favore, ci puoi aiutare a sentire di nuovo la sacralità?

Bhagavan - Non si può coltivare la sacralità. Non devi spostare l'attenzione dal fatto che tu manchi di sacralità. Rimanendo su questo fatto, man mano che comincia il processo del Risveglio, scoprirai naturalmente la sacralità. Ed anche qui il Diksha ti aiuterà.



SRI BHAGAVAN CON LA GERMANIA DEL 20 FEBBRAIO 2011

1 - Bhagavan cosa succederà alla gente a cui non interessa il risveglio?

Bhagavan - A noi interessano le 70.000 persone. Siamo convinti che quando 70.000 persone si risveglieranno, il resto dell'umanità naturalmente subirà un cambiamento di coscienza. Quando 70.000 persone diventeranno risvegliate, la potenza generata sarà 70.000…(non comprensibile)70.000: una quantità di potenza tale da produrre un salto nella coscienza umana. Nelle scritture indiane questo 70.000 è riportato come "l'armata dei 64.000". Con la popolazione attuale di 6,9 miliardi, ci servono circa 70.000 persone. Quindi questa Oneness è una specie di club elitario di 70.000 risvegliati. Speriamo di raggiungere questo numero per la fine di ottobre 2011. Se ci saranno ritardi, al massimo per il 21 dicembre 2012.

2 - Bhagavan cosa devo fare se la gente non ne vuol sapere del risveglio? Posso fare qualcosa?

Bhagavan - Non disturbare queste persone: essi hanno tutti i diritti di essere così e di seguire il loro disinteresse. Non vanno disturbati. Questi 70.000 di cui parliamo sono persone speciali, che sono sicuramente venuti giù per questa missione speciale. Questi naturalmente verranno da voi e vi ascolteranno. Gli altri non vanno disturbati, ma al momento giusto, quando i 70.000 si risveglieranno, anche loro naturalmente verranno risvegliati. I 70.000 sono come un faro che illumineranno il pianeta.

3 - Qual è la posizione della Germania nell'evoluzione spirituale, mentre stiamo entrando nell'Età dell'Oro?

Bhagavan - Il ruolo speciale della Germania è di portare ordine nell'Oneness?

4 - Cosa intendi quando dici "non fare niente"?

Bhagavan - Noi siamo felici quando impariamo a creare, quando possiamo usare il nostro potere creativo. Gli insegnamenti della Oneness devono essere capiti correttamente, altrimenti sono molto pericolosi. Questo insegnamento dice " puoi essere molto attivo, puoi essere molto creativo, puoi fare tutto quello che vuoi fare, ma poi, quando sarai risvegliato, sentirai che non stai facendo nulla". Per questo abbiamo detto "questi insegnamenti non vanno praticati". Sono lì per farvi capire se siete risvegliati, per aiutare la programmazione della vostra coscienza, e se pensate erroneamente di essere risvegliati, sono lì per informarvi che non lo siete.

5 - Carissimo Bhagavan, per favore cancella dalla Germania il Karma di Hitler, quell'energia che è ancora attiva qui. Dobbiamo ripulire il Paese.

Bhagavan - Quando il mumero richiesto di tedeschi sarà risvegliato, il Karma tedesco sarà naturalmente lavato via. Tutta la nazione sarà libera da quel particolare Karma.

6 - Finora ho conosciuto solo poche persone che sono risvegliate. Quando si risveglieranno i 64.000 che ti aiuteranno a risvegliare tutto il pianeta?

Bhagavan - Il risveglio sta accadendo molto rapidamente ora e sta accadendo in tutto il pianeta. Per cui credo che, di questo passo, per la fine di quest'anno dovremmo raggiungere il numero di 70.000. Ho la netta sensazione che, in qualche modo, sarete risvegliati molto molto in fretta. Quindi ora vi dò una potente benedizione ed un Diksha affinché il processo sia molto molto veloce per voi. Poi faremo una speciale meditazione per 4-5 minuti, che vi porterà molto vicini al risveglio entro le prossime settimane.



SRI BHAGAVAN CON LA RUSSIA - 23 GENNAIO 2011

Siamo riuniti qui a Mosca e in molte città dell'ex-Unione Sovietica e ti vediamo dal vivo tramite Internet. Durante il collegamento Skype, vedrai diverse città; durante il collegamento Skype, le immagini cambieranno e potrai vedere i diversi gruppi delle varie città.

D1: Namaste caro Bhagavan. Lunga vita. Tu ci stai portando la luce e noi strabuzziamo gli occhi. Scusaci per questo. Stavo riflettendo intensamente su quello che mi impedisce di accogliere tutto quello che tu ci stai dando così generosamente. Perché la passione per il risveglio e la paura, in me si equivalgono. Quando vengo da te a GC sto seguendo il mio sogno più grande, ma non credo che sia realizzabile in questa vita qui ed ora. Perché se io non sarò più qui come sono ora (come conseguenza del mio risveglio-ndt) allora non ci saranno più né il mio livello sociale, la mia famiglia, il lavoro, ecc. Quello che abbiamo dentro, lo abbiamo anche fuori. La mente descrive le vite dei grandi maestri, santi, eremiti. Ma non ci sono esempi di risvegliati oggi nel mondo pratico. Come si integrano nella società e nella vita quotidiana. Per favore spiegaci come si svolgono oggi le vite dei risvegliati? Come hanno utilizzato il dono del risveglio. O come il risveglio ha utilizzato loro. Che scopo ha la vita di un risvegliato, riguardo ai suoi obiettivi nella società. Aiutami a superare questa paura. E' molto importante. Grazie di cuore.

Bhagavan: Il problema è che vi siete fatti un'idea del risveglio ed è questa che induce in voi la paura. Le cose in effetti stanno in maniera molto differente da come vi immaginate. Quando parliamo di risveglio, parliamo del vostro stato naturale. E una volta lì, sarete abbastanza sconvolti nel realizzare come ve lo siete perso in tutti questi anni. E' come un uomo che vuole imparare a nuotare, ma non è pronto a tuffarsi. Non potete imparare a nuotare e dopo tuffarvi nell'acqua. Dovete prima saltare in acqua e poi, naturalmente, imparerete a nuotare. E' la stessa cosa. Una volta avviato il processo del risveglio, tutto è molto naturale e voi non dovete fare niente. Ad ogni modo, non dovete preoccuparvi perché il nuovo processo vi aiuterà a diventare risvegliati molto facilmente. E c'è già un certo numero di persone risvegliate che guarda caso sono dottori, ingegneri e altro e conducono una vita molto bella. Molto presto anche in Russia avrete una quantità di risvegliati e ciò accadrà piuttosto velocemente.

D2: Caro Bhagavan, siamo così felici di vederti dal vivo. Vorrei anche esprimere gratitudine per Kirnaji che assiste me e il mo gruppo. Bhagavan, molte verità delle nostre percezioni mi sono state svelate, ma uno stato è ancora un mistero. Cosa è il servizio, il seva. Io conosco le parole che descrivono questo stato, ma nel mio cuore non lo comprendo pienamente. Solo con la mente e con le azioni. Desidero così tanto che il cuore sperimenti questo stato pienamente. Per favore, condividi con noi cosa sperimenti in questo stato e trasferisci l'esperienza del seva in noi oggi. Grazie tantissimo Bhagavan. Ti voglio bene.

Bhagavan: Quando vi risvegliate, vi impegnate nel seva in maniera molto naturale. Non è qualcosa che si insegna. E' il modo in cui vivrete dopo il risveglio. Fino a quel momento, usate la mente e aiutate gli altri perché così guadagnate karma positivo che vi aiuterà nel risveglio. Nel nuovo processo che vi sarà comunicato, ciò che conta è diventare consapevoli di non essere in grado di fare seva. Non che si pretenda il seva da voi. Dovete diventare consapevoli di non essere in grado di fare seva. Questo è sufficiente. Nel nuovo processo, non è che siete tenuti ad avere questo, questo e quest'altro. Il punto è che dovete realizzare di non avere questo, non avere questo e non avere quest'altro. Questo è tutto ciò che vi viene richiesto.

D3: Namaste amato Bhagavan. Di recente osservo che la mia unica aspettativa è l'illuminazione. Quando vengo a una riunione, vedo sorgere la stessa aspettativa di illuminazione. L'attesa e il focus sull'11 febbraio. Quest'aspettativa è un intralcio per l'illuminazione, perché dietro ogni aspettativa c'è una delusione. Grazie molte carissimo Bhagavan.

Bhagavan: L'aspettativa è necessaria, ma è anche un ostacolo, però non possiamo farci niente. Quindi continua pure ad avere aspettative. Non preoccuparti della delusione. Perché quello che stiamo per usare nel nuovo processo è il bulldozer cosmico per mettervi definitivamente K.O.

D4: Bhagavan io so, dal punto di vista razionale, che il Divino c'è, che Dio c'è, ma come posso farne esperienza nel corpo?

Bhagavan: E sì, non puoi farci niente. Lo faremo succedere noi. E' il nostro compito.

D5: Amato Bhagavan, per favore spiegaci qual è la connessione tra morale e illuminazione. Un illuminato diventa automaticamente una persona morale? Tu dici che la sua azione è perfetta. Quell'azione sarà anche immorale? La mia più profonda gratitudine per te, caro Bhagavan. Ti vogliamo un mondo di bene.

Bhagavan: Per il risvegliato, ogni azione è perfetta. Non può pensare in termini di azione giusta e azione sbagliata. Agisce spontaneamente ed è perfetto per lui. Le sue azioni possono essere definite dalla società morali o immorali. Ma il risvegliato non se ne preoccuperà. Così, la maggior parte delle volte le sue azioni saranno ciò che la società chiama azioni giuste. Ma a volte accadrà anche che non si adatti a ciò che la società pensa. Qualche volta la società potrebbe perfino chiamarlo immorale o non giusto, ma il risvegliato non può vederla allo stesso modo.

D6: Caro Bhagavan, siamo così felici di averti con noi oggi. L'ultima volta ci hai suggerito 3 cose a cui porre attenzione, la connessione col Divino, la gratitudine e il bisogno di sentirsi importanti. L'abbiamo fatto e abbiamo scoperto un sacco di cose su di noi. Ora siamo a metà processo di una settimana di maratona nazionale Oneness. Su quali temi e insegnamenti ci suggerisci di concentrarci ora per prepararci al nuovo processo? Con gratitudine e amore dal mio cuore.

Bhagavan: Vi suggerirei di continuare con gli stessi tre insegnamenti. Perché il nuovo processo comincerà probabilmente tra una settimana, credo. Possiamo continuare con i tre principi. E voi potete prepararvi. Penso che vi potete concentrare su questi tre principi e sarete pronti per il nuovo processo. Guardando tutti voi sugli schermi, sento chiaramente che siete molto pronti per il nuovo processo.

Grazie Bhagavan! Ti amiamo!

Bhagavan: Si vede che siete molto ben preparati. Dunque, a voi ogni benedizione. Ora meditiamo?



Grazie dal cuore a Simonetta de Robertis e Carlo Galbiati per le traduzioni










logo Oneness University Padukaswww.OnenessUniversity.org


Logo Oneness Italiawww.OnenessItalia.org



****************************************

Sri Bhagavan
multiple Eye Deekshas
Sri Bhagavan

****************************************

SACRED TEMPLE
ONENESS UNIVERSITY
Sacred Temple

****************************************

ONENESS UNIVERSITY
3 WEEK DIVINE DEEPENING
Divine Deepening

****************************************

ONENESS UNIVERSITY
Oneness University

****************************************

AWAKENING CHANT
by SRI BHAGAVAN
Awakening Chant

****************************************

Paola Eleonora Raschellà - Turate (CO)
Oneness Advanced Trainer
Email:paoeleo@gmail.com