vai al contenuto della pagina
|

LE CHIAVI DEL CAMBIAMENTO
Le nuove frequenze della consapevolezza
Le nuove frequenze della guarigione

|



MESSAGGI DI SRI BHAGAVAN 2012

Tradotti da Ambra Gianola, Andrea Palomba, Angela La Fortezza, Carlo Galbiati, Simonetta De Robertis



temple



Visita i siti della Oneness University:

Oneness University





MEDITAZIONE SPECIALE CON SRI AMMA BHAGAVAN

Attraverso le antiche culture e le culture di oggi, grandi ricercatori e mistici ci hanno parlato dell'arrivo di una era per l'umanità dove noi come specie fioriamo in elevati stati di coscienza. Il 21 dicembre 2012 segna la nascita di questa nuova era della Oneness conosciuta come Età dell'Oro.

La missione e la visione di Sri Amma Bhagavan è stata di assistere l'umanità in questa transizione. La missione era di creare uno spostamento nella massa critica nella coscienza umana attraverso il risveglio di oltre 70,000 persone. La missione è compiuta!

Il grande risveglio per l'umanità è ora pienamente in corso poiché siamo testimoni di decine di migliaia di persone risvegliate ogni mese, in sempre più grande numero.

Per celebrare e inaugurare la nascita di questa nuova era per l'umanità, ci sarà uno speciale evento con webcast per meditare e ricevere le Benedizioni per il Risveglio da Sri Amma Bhagavan.

Come preparazione per questa speciale meditazione per il Risveglio con Sri AmmaBhagavan, tu potresti partecipare alle Om dal vivo / online e ricevere Diksha dai risvegliati in tutto questo mese. Invita tutta la tua famiglia e i tuoi amici a tutti i programmi e i diksha di tutto il mese e sii parte di questo storico evento!

DATA: 21 Dic 2012
ORA ITALIANA: 12.30
Link: SPECIALE MEDITAZIONE, 21 dicembre 2012, ore 12.30
Fonte: Oneness University





Grandi notizie dalla Oneness, a partire da domenica 25 marzo

Sri Bhagavan mediterà nel Tempio insieme a 4.000 persone risvegliate, per completare il salto dell'Umanità nell'Età dell'Oro.

Questa Meditazione si terrà ogni Domenica alle 12,30 (ora indiana) cioè 9,00 (ora italiana).

La Meditazione durerà 30 minuti.

Tutti i DG e Trainer sono invitati ad unirsi in questa Meditazione con il resto della Famiglia Oneness Mondiale.

Potete riunirvi in gruppi o rimanere da soli. In silenzio, invocate la presenza del vostro Divino, mantenendo nel cuore l'intenzione di essere uniti all'intento della Famiglia Oneness Mondiale, affinchè 70.000 persone, in tutto il mondo, possano illuminarsi completamente, entro il 21 dicembre 2012.

Pregate per il pieno Risveglio vostro, della vostra famiglia, dei vostri cari, del vostro Paese, del vostro continente, di tutto il mondo.

"Quando si smette di cercare di meditare, la meditazione accade." Sri AmmaBhagavan





La Oneness Meditation

E' una forma di Diksha molto speciale e potente, un trasferimento sacro di energie divine che favoriscono il processo di risveglio della consapevolezza.

Dal mese di gennaio 2012 la Oneness University ha selezionato in tutto il mondo alcuni trainers, di cui 4 in Italia, affinchè canalizzassero queste sacre energie offrendole a tutti attraverso lo sguardo.

Per tutti i Trainers, i Diksha Givers e i Receivers è quindi un grande dono poter partecipare ad un evento simile, ed esprimiamo sin da ora la nostra gratitudine a Sri AmmaBhagavan.



Visita il sito EttMetLivet.org per vedere la programmazione delle OM mondiali

onewithlife.se





RELAZIONE sul Mukti Diksha e Darshan di ogni domenica mattina

Il grande successo del Darshan Mukti e i programmi Diksha tenuti nelle ultime 8 domeniche (25 marzo, 1, 8, 15, 22, 29 aprile, 6, 13 maggio 2012) testimonia la volontà, il potere spirituale e la grazia che viene data da Sri Amma Bhagavan per il risveglio globale dell'umanità. Essi vengono condotti ogni Domenica affinché il maggior numero di partecipanti ne possano beneficiare. Il processo dura 2 ore, in programma prima il Mukti Darshan che è stato condotto in diverse lingue (Tamil e Malayalam - I settimana, Telugu - II settimana, Kannada - III settimana, Hindi - IV settimana e Oriya - V settimana).

Il processo Mukti Darshan è un'esperienza liberatoria che catapulta i partecipanti in stati dove la maggior parte sperimenta la presenza del Divino nella loro vita, facendo esperienze di vita quotidiana gioiosa. L'atmosfera Mukti Mandap è carico di fervore spirituale - il sorgere del sole, la freschezza dell'aria, il cinguettio degli uccelli dai rami degli appena germogliati, foglie verde chiaro sugli alberi, il verdeggiante Oneness Temple - tutto sembra celebrare l'evento!

Tutta l'esperienza del processo Mukti nel loro modo unico, con una maggiore consapevolezza dei dintorni con sentimenti di unità con la natura, le persone, gli uccelli e la stessa aria!

Gli Oneness Sevaks si assemblano nelle prime ore allineandosi intorno ai diversi posti di servizio designati per guidare il flusso di una marea di umanità, appena comincia ad affollare il campus con gioia, e converge nei sacri spazi del Mukti Oneness Mandap. Migliaia di devoti si presentano ogni Domenica.

Il Mukti processo inizia con il graduale spostamento dei devoti nel Mukti Mandap, il luogo sacro del Tempio della Oneness Temple, con il suo splendente marmo bianco traslucido con la presenza illuminata di Sri Bhagavan nel suo sancta sanctorum.

I devoti percorrono i vari livelli a partire dal piano interrato realizzando il passaggio attraverso i quattro aspetti della vita umana:

Artha (la creazione di ricchezza),

Kama (adempimento dei desideri),

Dharma (la crescita interiore e contributi),

Moksha (liberazione e risveglio),

fino a quando si riuniscono nella Sala del Risveglio per ricevere il Mukti Darshan e il Diksha di Sri Bhagavan, dove molti si risvegliano e molti vivono stati di Risveglio e diventeranno a breve Risvegliati.

I discepoli di Sri Amma Bhagavan, spiegano il significato del processo di Mukti ai devoti, raccontano la grande fortuna dell'umanità di ricevere questa benedizione divina, seguono un canto meraviglioso di bhajan, un canto dei Shloka, la mediazione e la danza.

Poiché il processo raccoglie slancio, si può vedere la gente raggiungere stati di estasi spirituale e di gioia. Le Guide offrono 'Aarthi', per Amma Sri Bhagavan, propiziando la loro presenza divina per il processo finale del Mukti che culminerà al piano superiore, la Sala del Risveglio del Mandap Mukti, alla presenza fisica di Sri Bhagavan stesso! Tutti i devoti in silenzio si avviano al piano che rappresenta la propria ascensione al risveglio, in attesa del Darshan di Sri Bhagavan la benedizione finale di Mukti Diksha.

L'assemblea si prepara quindi a testimoniare col canto dei mantra sacri il conferimento del Mukti e il momento finalmente Sri Bhagavan arriva, quando con il suo Abhayahasta alzato benedice tutti con la benedizione di una vita. Tutti i devoti ricevono da Sri Bhagavan Mukti Diksha che solleva i loro stati di coscienza a livelli superiori.

Ancora oggi non siamo in grado di capire la nostra sacra buona fortuna di testimoniare, ricevere e vivere l'innalzamento dei livelli di coscienza da un semplice sguardo di Sri Bhagavan, un momento che anche i saggi, veggenti e mistici desiderano, nonostante i loro molti anni di penitenza, attraverso molte nascite!

Sri AmmaBhagavan Sharanam

dal Gruppo Fb "Oneness per Amore"





SRI BHAGAVAN CON LA RUSSIA DEL 28 GIUGNO 2012

Domanda 1: Namastè caro Bhagavan, è difficile per me definire la mia domanda, mi trovo in uno stato molto strano: non voglio niente, non ho bisogno di niente, mi sento male ma non voglio farci niente, non so se sia apatia o accettazione. Non voglio lavorare e nemmeno stare senza far nulla. Voglio aprirmi e rendermi conto di cosa voglio occuparmi, scoprire cosa vorrei fare nella vita, cosa mi può dare piacere. Non riesco a trovare risposte a queste domande. Mi sento perduto. Per favore aiutami caro Bhagavan.

Sri Bhagavan: In effetti tu ti trovi in uno stato molto buono, ma se cercherai di cambiarlo ti ritroverai in uno stato terribile. Oneness non significa diventare questo o quello. Oneness è stare con “quello che c’è”. La verità sta in questa tua condizione. Devi starci, accettarla, abbracciarla. Starci, accettarla, abbracciarla, questo è il processo. Una volta che questo accade la Presenza entra in te e prende il sopravvento. E poi tutto diventa automatico. Io ti aiuterò.

Domanda 2: Caro Bhagavan, hai sempre detto che il 2012 è un anno molto speciale per il Risveglio. Per favore dicci, quando questo anno finirà, vorrà dire che le nostre probabilità di risvegliarci diminuiranno? E poi Tu dici anche che nella Oneness il Risveglio è una benedizione e che il nostro ruolo è solo quello di non opporre nessuna resistenza al Divino. Caro Bhagavan, per favore, aiutaci a vedere come avvengono queste resistenze interiori, in modo che questo ostacolo venga annullato e il risveglio possa aver luogo quest’anno. Grazie moltissimo.

Sri Bhagavan: il 1989 è stato l’anno in cui è stata concepita l’Età dell’Oro, il 2012 è l’anno di nascita dell’Età dell’Oro, come un bambino. Entro la fine dell’anno (2012) ci saranno 70.000 risvegliati. Dopo di che il Risveglio diventerà sempre più veloce. Entro il 2035 ci saranno talmente tante persone risvegliate che potremmo benissimo dire che tutti sono risvegliati, e quando diciamo che tutti sono risvegliati, ciò non significa che effettivamente tutti lo saranno, ma che la vasta maggioranza delle persone sarà risvegliata. Nel 2035 l’Età dell’Oro diventa un giovanotto e continua a crescere per un altro migliaio di anni; successivamente possiamo diventare un’altra specie. Quindi il Risveglio diventerà più facile dopo il 2012. Il 2012 è l’anno della nascita del bambino chiamato Età dell’Oro.

Domanda 3: Namastè caro Bhagavan! Tu ci insegni che “questo corpo non è mio”, ma allora chi è che sta soffrendo e sta facendo l’esperienza del dolore nel corpo? Questo dolore fisico non ti lascia concentrare sulla preghiera o la meditazione. Il dolore mi logora, limita le mie capacità, oscura la mia coscienza e impedisce il risveglio. Questo è quell’”io” che sta soffrendo, o no? Se io non sono questo corpo, se questo corpo non è mio, allora perché soffro di questo dolore fisico? Per favore, caro Bhagavan, mi puoi dire che cosa faccio di sbagliato e quale è il modo giusto? E, se possibile, per favore, benedicimi e guariscimi. Ti sono grato di tutto mio amato Bhagavan.

Sri Bhagavan: se tu realizzassi chiaramente che il tuo corpo non è il tuo corpo, allora non ci sarebbe nessuna sofferenza fisica per te. Ma per te quella non è la verità: per te la verità è che il tuo corpo è il tuo corpo. Stando così le cose, quando il corpo soffre, allora tu soffri perché ti identifichi con il tuo corpo. Ma nel momento in cui tu realizzi che il tuo corpo non è il tuo corpo, la tua mente non è la tua mente, i tuoi pensieri non sono i tuoi pensieri, allora non c’è sofferenza. E non ci puoi arrivare con lo sforzo, è qualcosa che ti deve accadere. Quando ti succede, scopri chi sei. Allora scoprirai che sei l’Universo stesso; che sei ogni cosa che chiami te stesso. Questa è la Oneness di cui parliamo.

Domanda 4: Caro Bhagavan! Non sono capace di parlare col mio Divino. Io parlo, ma il mio Divino non mi risponde, né direttamente né attraverso dei segni. Il Divino sembra essere molto occupato e non risponde nemmeno al perché non dà alcuna risposta. Per questo ho cominciato a sentirmi molto solo. Non so nemmeno quale sia il giusto modo di pregare perché nessuno me lo ha insegnato. Inoltre non capisco se sia corretto chiedere al Divino qualcosa di materiale. Non è il Divino che sa meglio di me quello di cui ho veramente bisogno e quello che desidero? Grazie!

Sri Bhagavan: Tu devi interagire col Divino. Devi imparare a parlare col Divino come parli con una persona. Per favore provaci durante una OM. Una volta che senti che la Presenza arriva, comincerà automaticamente. Non puoi delegare ogni cosa al Divino e dire “il Divino se ne prenderà cura” – No. Tu e il Divino dovete interagire insieme e creare qualsiasi cosa tu voglia. Ovviamente sì, il Divino sa meglio di te cosa fare, ma tu devi interagire per ottenere quello che vuoi. Se sei indifferente, il Divino sarà indifferente anche lui. Tu e il Divino siete i due estremi di una stessa realtà. L’interazione è una condizione imprescindibile. Quindi per favore tieni un quadernino in cui scrivi tutte le tue interazioni e continua a prendere parte alle OM.

Domanda 5: Namastè caro Bhagavan! Migliaia di persone stanno prendendo parte alle OM in tutti i paesi della ex Unione Sovietica. E queste persone raccontano dei loro stati di risveglio. Alcune hanno appena cominciato a notare dei nuovi modi di percepire la vita, a notare la loro armonia interiore. Alcuni hanno fatto esperienza di diversi stati di risveglio così regolarmente che non hanno più paura di perdere questi stati. Per me tutto questo processo non è altro che un gran miracolo che si dispiega, ma ho una domanda: siamo così entusiasti di partecipare a queste OM che abbiamo quasi dimenticato gli altri corsi che sono offerti dalla Oneness University. Potresti per favore darci qualche chiarimento su come per esempio il Processo del Deepening e il corso Trainer ci possono aiutare nel nostro cammino verso il Risveglio, qual è la loro importanza a questo punto? Con amore e gratitudine.

Sri Bhagavan: In India, per tradizione, anche se sei risvegliato, vieni mandato da un maestro per acquisire conoscenza. Anche se diventi Risvegliato, devi andare da un trainer della Oneness per partecipare ad un corso sul Risveglio. Senza quella conoscenza, tu saresti fortemente incompleto. Allo steso modo, la OM è una parte del Oneness Deepening. E il corso Oneness Deepening, specialmente il nuovo Oneness Deepening, è un corso estremamente vasto, ti trasforma in un faro e questi fari saranno le sentinelle del Risveglio. Quindi il fatto che vai alla OM non significa che non prendi parte ad altri programmi, ma è un programma potente che ti dovrebbe aiutare a partecipare ad altri programmi.

Domanda 6: Amato Bhagavan! Noi Ti esprimiamo la nostra gratitudine per questo meraviglioso processo della OM. Sta dando risultati evidenti – esperienze reali di risveglio. In ogni OM sempre più persone condividono queste esperienze. E’ incredibile! Veramente! Ma ci sono anche altre persone che lottano per riuscire a vedere per ora, le proprie esperienze e riconoscerle, anche se anche loro, in effetti, riferiscono di avere degli sprazzi di stati di risveglio. Ci potresti dire come possono i trainer aiutare e guidare in modo efficace queste persone? E come possiamo noi stessi progredire in questo processo in modo che sia facile per noi identificare e riconoscere gli stati di risveglio senza essere spaventati dalle esperienze insolite che possono accadere? Grazie molto.

Sri Bhagavan: La OM è il risultato di un aumento della Grazia. La potenza della Grazia crescerà moltissimo nelle settimane e nei mesi a venire. La OM diventerà estremamente potente nei prossimi mesi, e i trainer si troveranno in una posizione in cui potranno aiutare queste persone ad affinarsi.

Sì, se qualcuno prende parte alla OM e poi viene ad un Corso del Risveglio, tu sarai in grado di “rifinirlo” . Se le persone sono soddisfatte del loro stato, bene. Ma se vogliono maggiore comprensione e crescita, devono partecipare ai corsi del Risveglio. Perciò voi siete stati preparati a essere Trainer. E vi prepareremo di più.

Domanda 7: Namastè caro Bhagavan! Abbiamo sentito parlare recentemente del trasferimento della Presenza. Ce ne potresti dire qualcosa di più per favore? Come possono i DG e i non DG prendere parte a questo? Come avviene il processo del trasferimento della Presenza? C’è una differenza tra il trasferimento della Presenza e il Diksha con l’Intento? Grazie!

Sri Bhagavan: Molti confondono la OM con il Diksha con gli occhi. La OM non è diksha con gli occhi. La OM viene data da persone scelte dal Divino. La OM potrebbe essere data anche col tocco, potrebbe essere data con gli occhi, potrebbe essere data con l’intento. I tre modi attraverso i quali si trasferisce la Grazia sono: tocco, vista e intento. La OM sta usando la vista e l’intento, ma non deve essere confusa con il diksha con gli occhi.

Domanda 7 Ripetuta: Come possono i DG e i non DG prendere parte nel processo del trasferimento della Presenza? Come avviene il processo del trasferimento della Presenza? C’è una differenza tra il dare un diksha con l’intento e trasferire la Presenza?

Sri Bhagavan: La OM può essere data solo da coloro che sono stati scelti dal Divino. Quello che loro danno è qualcosa di molto molto speciale. Ma chiunque può dare la Presenza. Chiunque abbia la Presenza può trasferire la Presenza a un’altra persona sia attraverso la vista, il tocco o l’intento. Se vai a una OM è molto probabile che tu ottenga la Presenza. Ma facciamo l’esempio che tu vada a prendere il Diksha da qualcuno e ottieni la Presenza e poi vai a una OM, quella sarà estremamente potente. Il semplice trasferimento della Presenza può essere fatto da chiunque. Se A ha la Presenza la può trasferire a B attraverso il tocco, la vista o l’intento. B la può trasferire a C e C la potrebbe trasferire a D e si potrebbe continuare a trasferire fino a che l’ultima persona sul pianeta la riceve. Questo è il modo in cui verrà coperto tutto il pianeta

Domanda 8: Caro amato Bhagavan, da che ho conosciuto Te e la Oneness University la mia vita è cambiata, è diventata un vero miracolo e non ci sono parole, mio caro Padre per esprimere la mia Gratitudine per tutto quello che hai fatto! Durante le OM succede che io divento un altro essere, la cui capacità di vivere e percepire questo mondo è completamente diversa. E’ difficile trovare parole che possano descrivere queste esperienze. Sono come sfumature molto sottili di amore, tenerezza, compassione, meraviglia e sorpresa. Caro Bhagavan, potresti dirci per favore che cosa ci succede? Come possiamo trattenere questi stati e riprodurli in qualsiasi momento vogliamo farlo? Grazie tanto!

Sri Bhagavan: quello che ti succede nella OM è che tu effettivamente ricevi la Presenza. Accettazione, assenza di conflitti, amore, gioia, compassione – tutte queste sono qualità della presenza. Quando tu ricevi la Presenza, ricevi queste qualità, che non sono tue qualità, ma qualità della Presenza. Ma quel che tu devi fare è ancorare la Presenza. Puoi usare la vista, il suono o il tocco per ancorare la Presenza. E usando frequentemente questo ancoraggio, potrai spostarti sempre più frequentemente nella Presenza.

Una volta che la Presenza è diventata abbastanza forte in te, tu potrai chiederle “Per favore ferma la mia mente”. Man mano che continui a farlo la tua mente si fermerà; e poi si fermerà sempre più frequentemente, fin quando si fermerà per periodi di tempo più lunghi. E poi è fatta! Diventi risvegliato. In seguito diventi tutt’uno con la Presenza. Questa è Realizzazione di Dio. Ma tutto avviene automaticamente. Tutto quello che devi avere è la Presenza. Una volta che l’hai, saprai come ottenerla più frequentemente. Hai fatto tutto quello che potevi fare.

Gli insegnamenti ve li abbiamo già dati. Questi insegnamenti saranno resi realtà dalla Presenza. Tali insegnamenti non devono essere praticati, non possono essere praticati. Quando diciamo “Accetta tuo Padre” significa che tu preghi di accettare tuo padre. Tutto quello che vuol dire è che l’accettazione di tuo padre è qualcosa che deve accadere, e solo la Presenza la può far accadere. Il tuo accettare tuo padre è solo qualcosa di artificiale e non ti può portare lontano. Il massimo che tu puoi fare è stare con “quello che c’è.” Questo è il processo. La Presenza deve arrivare. Quando la Presenza arriva allora l’insegnamento diventa realtà. Perciò è importante che tu vada a un corso del Risveglio o prima di andare a una OM o dopo essere stato a una OM.

La Presenza è quella che fa sì che un insegnamento diventi una realtà. Per esempio l’insegnamento è “i pensieri non sono i tuoi, il corpo non è tuo, la mente non è tua.” Sono forse delle realtà queste per te? Le puoi far accadere? No, assolutamente. Una volta che arriva la Presenza con forza, questo avviene. La chiave è ottenere la Presenza, e la OM è molto potente nel darti la Presenza. Ben presto i nostri OM Giver cominceranno a tenere delle conferenze e ciò renderà le cose molto molto chiare. Le cose si muoveranno molto molto velocemente, molto molto presto.

Domanda 9: Caro Bhagavan, per favore ci dici se una persona che partecipa a una OM non ha dimestichezza con nozioni quali connessione col Divino, passione per il Risveglio, integrità interiore e buoni rapporti, ma questa persona intuitivamente è in cerca della libertà interiore, può diventare risvegliata? Grazie.

Sri Bhagavan: Sì, ogni cosa è possibile.

Domanda 10: Sri Bhagavan, è importante in questo momento restare al buio, nello spazio sacro, dopo la webcast con Te? Qual è il modo migliore per incontrare la Presenza e quale il momento migliore? Quali sono i possibili modi in cui si può rivelare la Presenza? Grazie moltissimo!

Sri Bhagavan: Stare nella stanza al buio sicuramente aiuterà ad acquisire la Presenza. Il momento migliore per acquisire la Presenza sarà tre le 12 e le 13.30 ora indiana (quindi tra le 8.30 e le 10.00 italiane) della domenica mattina.

Domanda 11: Caro Bhagavan, ho dei rimpianti per aver perso tante cose nella mia vita, questi desideri possono essere degli ostacoli per la mia illuminazione? Grazie!

Sri Bhagavan: Per favore ripeti la domanda.

Domada 11 ripetuta: Caro Bhagavan, ho dei rimpianti per aver perso tante cose nella mia vita, tanti desideri che non ho realizzato. Questi desideri (non realizzati) mi ostacoleranno nel mio risveglio e nell’illuminazione?

Sri Bhagavan: Quel che devi fare è stare con le tue frustrazioni e la tua insoddisfazione. Non devi cercare di allontanartene. Non sei realizzata e in te c’è tanto dolore. Stai con questo dolore, fanne esperienza e vai a una OM. La Presenza farà il resto.

Domanda 12: Caro Bhagavan, vedo di avere forti attaccamenti nella vita, che mi fanno soffrire tanto. Qual è la differenza fra attaccamento e amore? Grazie.

Sri Bhagavan: Attaccamento e amore sono molto molto diversi. Quando tu ci sei allora c’è attaccamento. Quando tu non ci sei più allora c’è amore. Non puoi cercare di avere quell’amore. Quello c’è quando la mente si ferma, e la mente si ferma quando arriva la Presenza.

Domanda 13: Caro Bhagavan! Se i bambini nascono risvegliati, come fa la mente successivamente a controllarli? Succede naturalmente o a causa del modo in cui sono allevati dai loro genitori, che gli impongono vari concetti? Dato che tutta l’educazione nella società si basa su paragoni come : grande e piccolo, buono e cattivo etc., come si possono risvegliare i bambini? Dovranno prima crescere in modo che la loro coscienza si possa espandere o saranno in grado di risvegliarsi attraverso i loro genitori o in qualche altro modo? Grazie

Sri Bhagavan: I bambini nascono risvegliati. Poi intorno all’età di 4, 5 o 6 anni perdono il loro risveglio. Il fatto che nascono risvegliati e poi perdono il risveglio è a causa della loro programmazione genetica. E il tutto è peggiorato dai condizionamenti. Comunque, man mano che più persone si risveglieranno, sarà molto facile per i bambini essere risvegliati. Abbiamo già incontrato dei bambini che sono risvegliati, avverrà sempre più velocemente fra loro.

Grazie Bhagavan! Grazie tantissimo! Questa era l’ultima domanda.

Sri Bhagavan: Grazie tanto a voi tutti. Meditiamo per alcuni minuti?

Si, si Bhagavan!





SRI BHAGAVAN SPIEGA IL SIGNIFICATO DELLA VITA (completo)

SRI BHAGAVAN: Mukthi potrebbe essere definito in tanti modi. La definizione generale che io do di Mukti è "La Liberazione dei Sensi". Quando tu vedi, non vedi senza l'interferenza della mente. Se riesci a vedere senza l'interferire della mente, questo è Mukti. Se riesci a sentire senza l'interferire della mente, questo è Mukti. Lo stesso vale per l'olfatto, il tatto e anche il pensiero. Il pensiero può anche essere osservato senza essere coinvolti con il pensiero. Ora, quello che sta succedendo quando stai pensando è che tu pensi che stai pensando. Ma in realtà è possibile vedere il flusso di pensieri come se fossero indipendenti da te. Si tratta di una realtà fisica. È possibile vedere i pensieri. Qualsiasi tipo di pensiero è entrato in te può uscire da te e tu puoi guardare. Quindi questo è lo stato di Mukti, la completa liberazione dei sensi dal controllo della mente. Il Mukta è un essere che sta vivendo.

Quando la mente è in controllo non stai vivendo. Quando la mente non c'è, allora stai vivendo. Ecco perché quando la gente mi chiede "Qual è lo scopo della vita?" La mia risposta è "Se tu stessi vivendo non faresti questa la domanda". Lo scopo della vita è vivere. Che cosa significa? Per vivere la vita dei sensi. I sensi devono essere indipendenti e liberi dalla mente. La realtà per te è quella che sta fluendo attraverso i sensi. Interpreti tutto il tempo i dati che stanno entrando in te. I commenti continuano tutto il tempo. Se facesti esperienza della realtà così com'è allora potresti provare solo beatitudine. Vedresti che questa intera creazione è perfetta. La cosa più bella è che sei già in paradiso. Tu l'hai trasformato in un inferno. È possibile liberare i sensi dalle grinfie del pensiero. Il pensiero è necessario quando richiesto, altrimenti perché dovrebbe interferire? Non c'è alcun bisogno per il pensiero di interferisca con la tua esperienza della realtà.

Quando i sensi si liberano dal controllo del pensiero o della mente, allora diciamo che avete scoperto la gioia incondizionata, l'amore incondizionato. Tale è questa gioia che ti sentirai collegato al Tutto. Così si scopre il vero amore. E questo è un evento naturale. Questo è ciò che tu sei progettato per essere. Questo è ciò che un Essere Umano dovrebbe vivere tutto il tempo. Dal momento che ciò non si verifica, le vostre vite sono diventare miserabili. E per sfuggire alla miseria, avete creato diverse vie d'uscita, attraverso le quali state scappando tutto il tempo dalla vostra miseria, la miseria stessa esiste perché non state sperimentando la realtà.

Per tutto il tempo stai interpretando i dati che stanno arrivando in te. Guardi un albero, tu dici che è un albero grande, un albero piccolo, verde, un albero di mango .. Sono in corso commenti tutto il tempo. Quando ti siedi davanti al cibo, non si stai mangiando il cibo! Cominci a preoccuparti del tuo ufficio o della tua famiglia o questo o quello o fai un commento sul cibo stesso. Non fai esperienza del cibo! Ecco perché nei Mahavakya ho detto "Se si fa esperienza della realtà così com'è, allora sperimenterai la beatitudine".

Questo è il motivo per cui la gente assume alcool o droga o sesso o qualunque altra cosa. Perché, altrimenti che cosa c'è nella vita? Si perde il significato. Così, il tentativo del movimento (Oneness) è quello di aiutarvi a sperimentare la realtà così com'è. Quando ciò accade, si scopre l'amore incondizionato e la gioia incondizionata. Ti senti connesso con tutto e tutti. Non senti di essere un individuo separato. Non vivi solo per te stesso, perché da 'solo' sei diventato Tutto. Vivi per il bene dell'umanità. Questo non è un concetto o qualche cosa da immaginare, questa è una realtà quotidiana, una volta che sei diventato illuminato o mukta. Migliaia di persone sono già in questo stato e anche in questo momento ci sono sedute qui alcune persone in questo stato.

traduzione da I migliori insegnamenti di Sri Bhagavan - youtube





SRI BHAGAVAN SPIEGA IL DIALOGO INTERIORE

SRI BHAGAVAN: Se osservate questo dialogo interiore, allora il Karma non vi può più disturbare. Il Karma non è altro che questo dialogo. Il Karma non è altro che la vostra mente. La vostra mente è l'insieme di tutti i pensieri che avete sperimentato nel passato. Questo è ciò che vi sta controllando proprio ora. Più voi diventate consapevole di questo dialogo, più il Karma perde la sua capacità di influenzarvi.. IL VERO PROBLEMA È CHE VOI NON RIUSCITE EFFETTIVAMENTE AD OSSERVARE QUESTO DIALOGO.

SRI BHAGAVAN: Quindi, qualunque cosa succeda, noi non ne siamo disturbati! Per noi il contenuto della vostra mente non è importante. Come voi lo percepite, questa è la nostra domanda. Lo percepite in modo assolutamente neutrale, senza schierarvi, semplicemente osservando quello che succede? Se fate così, per noi questa è Sadhana. Vi darà un'incredibile gioia!

SRI BHAGAVAN: Per noi, voi non siete altro che quel dialogo. Ora voi avete l'opzione di essere autentici o non autentici. Quello che vogliamo dire è: create una terza entità che faccia da testimone a tutta la faccenda; che non faccia commenti; che non vi dica che dovete essere autentici o non autentici. Lui deve semplicemente osservare l'intera situazione, come testimoniare un film. Ora, questo testimone può essere creato in 21 giorni, con un piccolo sforzo. Così, quello che noi vogliamo è che voi creiate questo testimone e osserviate in voi tutte le storie che si susseguono in continuazione. 24 ore su 24 questo dialogo si ripete, in una forma o in un'altra. Osservare questa commedia è quello che noi chiamiamo Sadhana. Questa è l'unica sadhana in questo Dharma (sentiero spirituale).





IL CONTROLLO DEI PENSIERI

SRI BHAGAVAN: Noi (nella Oneness) non cerchiamo di controllare i nostri pensieri, perché non crediamo che ci sia un controllore in primo luogo. Il controllore è un'illusione. 'Io non esisto', è solo un'illusione. Quando l'illusione scompare, si diventa risvegliato o illuminato. Tutto quello che vi chiediamo è - per favore continuate a guardare i vostri pensieri. Stranamente, come mantenere l'osservazione dei vostri pensieri, essi non disturbano più. Rallentano e non disturbano, e poi naturalmente si sviluppa la concentrazione.





SRI BHAGAVAN SPIEGA LA VIOLENZA CHE VEDIAMO NEL MONDO

SRI BHAGAVAN: "Ognuno di voi è una casa divisa, c'è un conflitto in te, c'è violenza in te, c'è odio in te. È questo che esplode come guerra, conflitto, siccità, inondazioni o qualsiasi tipo di calamità. Si potrebbe anche distruggere la terra se si vuole dalla vostra violenza.

Il mondo esterno riflette semplicemente il vostro mondo interiore. Ecco perché vi diciamo di migliorare le vostre relazioni. Se c'è amore e pace dentro di voi, molto naturalmente anche l'ambiente potrebbe cambiare.

Le atrocità che incontrate cesserebbero di esistere. Se cambiano gli uomini, il mondo cambierà. Altrimenti distruggerete voi stessi. È il vostro conflitto che sta esplodendo, attraverso un terrorista o tiranno. Proprio come l'acqua che fluisce attraverso un tubo debole viene fuori da qualche parte - così la violenza collettiva dell'umanità emerge attraverso un individuo o un gruppo.

C'è solo una mente e ciascuno di voi è una parte integrante di questa unica mente, non incolpare qualcun altro, voi siete responsabili, se scoprirete questo, il mondo sarà certamente un posto migliore."





L'IMPORTANZA DEL CUORE

SRI BHAGAVAN: Per me l’unica realtà è il cuore. Ciò che dice il cuore è l’unica verità, il cuore può dire "aiutalo" ed è l’azione perfetta, o dire "non aiutalo" ed è l'azione perfetta.

Le ragioni non le puoi capire perché il cuore riceve input direttamente dalla Coscienza Cosmica.

Ascoltare il cuore significa ascoltare Dio.

Tu sei una parte fino a quando tu non realizzi Dio e diventi uno con Dio.

Il tutto si manifesta al cuore e tu devi obbedire il cuore perché in contatto con il tutto.

Se il cuore dice A fai A se dice B fai B.

Il problema è che oggi gli esseri umani non ascoltano il cuore, il tutto, seguono le loro menti e non il cuore, ecco perchè il mondo va come va.

Se le persone fossero Risvegliate, il che presuppone che il loro cuore sia fiorito, allora seguirebbero semplicemente il loro cuore, il volere Divino, e non ci sarebbero problemi sulla Terra. Invece seguiamo il nostro volere che è una illusione.





MEDITAZIONE (Oneness) DELLA VERITA' INTERIORE:

- La Meditazione si può fare per 5 minuti al mattino o alla sera o anche durante il giorno.

- Quando senti un disturbo emotivo nella tua coscienza, mettiti seduto comodo in un posto tranquillo, rivolgi l'attenzione all'interno e respira.

- 5 respiri profondi, inspirando dalla bocca e espirando dal naso.

- Invoca la Presenza, la tua Coscienza Superiore (chiamala, riconoscila)

- Dì a te stesso con DOLCEZZA: mi do il permesso di sentire qualunque cosa dentro di me, ogni cosa va bene, per rompere quelle resistenze che ti sei costruito intorno, non è nemmeno necessario sentire qualcosa, solo quello che sei.

- Domandati: che cosa esattamente sto provando adesso, in questo preciso momento?

- Indaga tra le tue emozioni. Nel momento stesso in cui fai la domanda, la risposta comincia a evidenziarsi, a volte non c'è bisogno di tempo, a volte puoi ripeterti la stessa domanda se non senti niente. Qui inizia il tuo viaggio fra i tuoi condizionamenti. Quando cominci a indagare, vedi la quantità di condizionamenti, tuoi e degli altri. Qualsiasi cosa ti venga rivelata dalla verità, NON TOCCARLA!

- Ora dì a te stesso: questa è la verità ORA e non per sempre. La verità non riguarda mai l'altro, non riguarda mai me stesso, riguarda sempre quello che c'è e quello che è (ansia, stress, etc.)

- E poi dì "Grazie". Concludi sempre ogni esercizio con gratitudine.

- Dissocia qualsiasi emozione non necessaria dal pensiero. Impara ad osservare.

VIDEO: Il Sutra del Cuore





SRI BHAGAVAN SPIEGA L'AMORE

DOMANDA: Bhagavan, in questa corsa di topi in corso, che cosa devo fare per tenermi in contatto con i sentimenti del mio cuore? Mi sento molto arido all'interno.

SRI BHAGAVAN: Il fatto che devi capire è che il tuo cuore non è risvegliato. Che non hai i sentimenti giusti, che si è perso il contatto con i sentimenti e il cuore è chiuso. Perché questa è la verità. Ora, non dovresti dire 'Voglio che il mio cuore sia risvegliato' o 'Che cosa devo fare per fare risvegliare il cuore'. Devi arrivare qui. Nessuno sforzo deve essere fatto per cambiare questa situazione. Se si tenta di cambiarla, si otterrà di fatto di non arrivare da nessuna parte. Accetta il fatto che il tuo cuore è morto. Il tuo cuore è chiuso. Non ci sono sentimenti. Questa è la verità. Non muoverti da quella verità. Vedila. Accettarla. E sta con lei. Questo è tutto.

Molto naturalmente, automaticamente, il tuo cuore fiorirà. Ma se tenti di fare qualcosa per farlo fiorire, non accadrà nulla. Puoi farlo per anni, non accadrà nulla. La via più breve e più semplice è rimanere in quella verità. Non andare oltre quella verità. Resta tutto il tempo con quella verità. Dì a te stesso 'Sì, lo vedo, niente cuore, niente sentimenti, niente emozioni adeguate. Niente! È arido'. Questo è tutto.

Questa è la meditazione. Rimani dove sei. Per spostarti dalla tua condizione pratica la non meditazione. Rimanere dove sei realmente, è la meditazione. Il resto è tutto automatico. Non devi fare nulla. Non si può fare nulla. Essa avviene automaticamente.


SRI BHAGAVAN: La prima cosa è vedere. Vedere è la cosa fondamentale nel Dharma. Quando si tratta di problemi interiori o crescita interiore o progresso spirituale, dovete imparare l'arte di vedere. Supponendo che la gelosia sia lì, si deve imparare a vedere la gelosia. Non siamo preoccupati per gelosia in quanto tale. Cosa c'è, non è importante per noi, ma è necessario 'vedere' cosa c'è. 'Vedere è essere liberi'. Non è da intendersi come libertà dalla gelosia, il semplice atto del vedere è la libertà. Questa libertà è la meditazione. È Gioia. È Pace. È Amore.



NON cercate di riempire voi stessi con amore, ma restate nel fatto che non c'è amore.
Sri AmmaBhagavan

DOMANDA: Che cosa è l'amore, Bhagavan? L'amore è anche un'emozione come la rabbia, come la gelosia o è un potere che si nasconde dentro l'uomo? Porterebbe alla sofferenza o alla gioia?

SRI BHAGAVAN: "L'amore di cui stiamo parlando non è un sentimento, né un qualche potere, come dici tu è nessuna di queste cose. Di questo amore non si può parlare...

Possiamo dire che cosa non è. L'amore di un genitore per il bambino non è questo amore. L'amore tra un uomo e una donna non è questo amore. Il tuo amore per il tuo amico non è questo amore. Non è attaccamento, non è possesso, non è preoccupazione, non è attenzione, non è nessuna di queste cose.

È il materiale con cui è stato creato questo universo. Esso è la sostanza dell'universo. È la tua vera natura. È ciò che è lì. Se si va sempre più in profondità nella realtà quello che c'è, è il vuoto (lo stato di contenere nulla). È tutto vuoto. Questo vuoto è l'amore. Questo è l'amore di cui stiamo parlando. Deve essere vissuto.

Al primo livello devi diventare illuminato, al secondo livello un essere divino deve venire dentro di te, solo allora si sa che cosa si tratta. Altrimenti è oltre la vostra portata.

Non stiamo condannando l'amore che stai vivendo ora. Questo tipo di amore va perfettamente bene. Quello che stiamo dicendo è che "l'amore non ha una causa". Se vedete qualcuno, ci sarà 'questo' amore. Se vedete una formica ci sarà 'questo' amore. Non c'è alcun motivo per 'questo' amore. Per l'amore che conosci ci deve essere una causa. Deve essere vostro figlio, moglie, amica, allora c'è amore.

D'altra parte, quando si verifica l'Amore senza causa, si è nell'Unità. Non sei più separato dal cane, il lebbroso, il mendicante o il ricco. nessuno è separato da voi. C'è Unità completa. Si tratta di un amore nato dall'Unità. Così, non ha una causa.


Love is the essence of the universe.
Sri AmmaBhagavan





SRI BHAGAVAN SPIEGA LA NECESSITA' DI AMARE SE STESSI

DOMANDA: Qual è la necessità per noi di amare se stessi?
DOMANDA: Caro Bhagavan, come posso imparare ad amare me stesso? Ho capito che tutti i miei problemi psicologici sono direttamente associati alla non accettazione di me stesso. Essendo il canale per trasferire il Tuo amore ad altre persone, come posso imparare ad amare me stesso?

SRI BHAGAVAN: Abbiamo detto che devi essere attivo nel mondo esterno, nel mondo interiore devi essere passivo. Ora, ecco quello che sta succedendo: hai capito che non sei in grado di accettare te stesso, che non sei in grado di amare te stesso. Fino a che punto è OK. Ma il problema è che stai cercando di accettare te stesso, stai cercando di amare te stesso. Ecco perché sei condannato al fatto di non accettarti. Ti sei condannato al fatto di non amarti. Questo non è l'insegnamento della Oneness. Ciò che l'insegnamento della Oneness ti sta dicendo è: vedi, guarda, sii consapevole del fatto che non ti accetti, intensamente consapevole. Sii intensamente consapevole del fatto che non ti ami. Se tu dovessi condannarlo, se tu dovessi provare a cambiarlo, non accadrà nulla. È semplicemente questa consapevolezza. Non dovresti nemmeno pensare che è male. Se dici "Oh, è un vero male, io non mi accetto. Devo accettarmi." Questa non è la consapevolezza che giunge durante la contemplazione. La consapevolezza è solo per vedere cosa sta succedendo. Che cosa c'è, è ininfluente, non ha alcuna importanza.





Paradiso e inferno - che cosa sono?

SRI BHAGAVAN: Tu porti il paradiso e l'inferno con te. La tua lussuria, ira, ecc, producono queste regioni. Esse sono come sogni.





Parole d'oro di Sri Amma Bhagavan sulla Responsabilità .... Buon divertimento!

"Assumetevi il 100% della responsabilità della vostra vita e ciò che avete creato in Essa.

Solo quando ti assumi la piena responsabilità della tua vita tu puoi creare ciò che desideri. Solo allora sarai in grado di scegliere pienamente le esperienze della tua vita. Solo allora smetterai di essere e di vedere te stesso come una vittima delle circostanze.

La tua vita cambierà per il meglio, non appena ti assumerai il 100% della responsabilità della vostra vita e ciò che hai creato in essa. Ti sentirai più in controllo. La tua vita si sentirà più ricca. Non solo, quando ti assumi la responsabilità della tua vita, invii un grande messaggio all'Universo che dice 'Eccomi!'"
Vikram Oneness





Domanda: Bhagavan, perché devo affrontare così tanti ostacoli sul cammino del mio successo?

Sri Bhagavan: Tu stai costantemente creando il mondo esterno. Credi che il mondo esterno sia indipendente dal mondo interno. Diciamo che il tuo inconscio ti ha programmato per il fallimento. Esso pensa che non puoi mai avere successo, che non dovresti riuscire.

Allora ciò che succede è questo: diciamo che tu vai ad un colloquio di lavoro. Il tuo inconscio si mette in contatto con l'inconscio dell'altro. Hanno un qualche tipo di collegamento "internet" e l'altra persona che ti sta intervistando decide di non darti un lavoro per nessuna ragione al mondo. Questo è come ciò che sta succedendo all'interno crea effettivamente il mondo esterno. È molto, molto potente. Questo è il motivo per cui si ottiene ciò che si teme e ciò che si odia. Si ottiene anche ciò che si ama, anche questo accade.

Ecco perché devi vedere cosa sta succedendo (dentro di te). Se non riesci a farlo, allora devi chiedere l'aiuto di qualcuno che può mostrartelo. Questo è il 'samskara shuddi' (processo di purificazione emozionale) e altre cose inerenti e dovrebbe essere fatto bene. Una volta impostato bene, vedrai che le cose per te cambieranno nel mondo esterno radicalmente, nel caso in cui tu abbia visto cosa sta realmente sta succedendo (dentro di te).

"Tu giudichi te stesso secondo i tuoi standard."
Sri AmmaBhagavan





Sri Bhagavan: Quando dici "Io sono a disagio con quella persona", quello che vuoi dire è che tu sei a disagio con alcuni aspetti di te stesso. Supponiamo che tu dica "Sono arrabbiato con quella persona", ciò significa che c'è qualcosa di cui sei arrabbiato con te stesso. Quando sei inquieto in una folla, vuol dire che sei inquieto dentro di te. Quello che sta accadendo al di fuori è un mero riflesso di ciò che sta accadendo all'interno. Se vai ancora più nel profondo non c'è differenza tra l'interno e l'esterno. È uno.

"La tua esistenza è relativa all'esistenza dell'altro."
Sri AmmaBhagavan





SRI BHAGAVAN SPIEGA IL RUOLO DELLA ONENESS NEL METTERE A POSTO I RAPPORTI PERSONALI

DOMANDA: Bhagavan, potresti parlarci della Oneness e come essa può aiutare a mettere a posto i rapporti?

SRI BHAGAVAN: Le persone, in generale, non si sentono mai connesse fra loro, non si sentono connesse col coniuge o con i genitori o con i figli. Si sentono alienati dalla natura e da Dio e da tutto il mondo intorno a loro. La solitudine, il vuoto, la mancanza di significato della vita sono il risultato di questo stato di cose. Per sfuggire a tutto questo, a questa stato terribile, avete creato tanti tipi di lavoro, di piacere e altre forme di sofferenza. Tu sei un estraneo anche per te stesso.

Nel momento in cui ti risvegli a te stesso, ti risvegli anche alle gioie dei rapporti, come un cieco che si risvegli nel mondo dei colori; e ti rendi conto che, in effetti, la vita è rapporti e scopri che l'amore, nei rapporti, è la migliore forma di gestione dello stress, la più grande medicina per ogni malanno e la migliore soluzione per la maggior parte dei problemi.

A questo punto, l'alba di una nuova civiltà, che potremmo chiamare l'Età della Oneness (Unità) è il punto più saliente ed esplosivo di tutta la nostra vita di individui. Dobbiamo creare un destino, uno stato di coscienza che è tutt'uno con tutto ciò che è. Se raggiungi questa unità col tuo partner o coniuge, raggiungi la stessa unità con Dio. Perché non c'è nessuna differenza tra amare Dio e amare il proprio partner, figlio, genitore, o anche se stesso.

Come conseguenza di questo stato interiore dell'essere umano, si avranno dei cambiamenti nel mondo esterno che creeranno quella che chiamiamo Età dell'Oro. L'Età della Oneness e l'Età dell'Oro sono complementari l'una all'altra. L'Età della Oneness rappresenta quello che succede all'interno, nel mondo interiore, e l'Età dell'Oro rappresenta quello che succede nel mondo esterno.

L'avvento dell'Età dell'Oro vedrà un mondo senza confini nazionali, in cui tutta l'umanità diventa una grande famiglia e le persone non soffrono di nessuna carenza. Non c'è prosperità per un paese o un altro, bensì per tutta l'umanità.

Non è né capitalismo, né comunismo, né socialismo, né radical umanesimo, che ci rende felici... ma, quel che vedremo sarà un mondo completamente diverso, in cui non c'è alcuna competizione, solo cooperazione. Una umanità unica, ed ognuno di noi, ricordiamocelo, ha un ruolo da svolgere nel creare questo destino per l'uomo, e cioè per noi stessi.





IL LAVORO DELLA ONENESS

SRI BHAGAVAN: Il motivo di tutto questo lavoro è riportare Dio e l’uomo a essere uniti. Puoi utilizzare la parola Dio o Divino o quello che vuoi, ma poi si tratta semplicemente di unire queste due energie. E Dio, per quel che possiamo capire, è il tuo Sé Superiore.

Tu sei sconnesso dal tuo Sé Superiore, e noi cerchiamo di portare te e il tuo Sé Superiore ad essere molto vicini, uniti.

Infatti il Diksha o Benedizione fluisce dal Sé Superiore, quella è la sua sorgente.

Quindi il Sé Superiore cerca di connettersi con l’uomo ed è probabile che si colleghi nel 2012. Si sta muovendo in questa direzione e noi dobbiamo aiutare il Divino. Il Divino ha bisogno anche del nostro aiuto.

Questo è quello che stiamo cercando di fare. Così quando i due si uniranno, molto probabilmente nel 2012, quello che vedremo sarà una trasformazione della percezione umana su questo pianeta.

L’uomo si avvicinerà all’uomo, le divisioni potrebbero cessare, poiché i conflitti scaturiscono dalle divisioni, qualsiasi tipo di divisione, e la divisione scaturisce dal senso di separazione.

Tutto questo semplicemente sparirà. E come sparirà? Solo il Divino lo può fare. Il Divino può e vuole farlo. Perciò all’inizio abbiamo detto: "l’Uno diventa i molti e poi i molti diventano Uno". Noi siamo adesso più o meno a metà strada e probabilmente anche l’intero Universo, e da questo momento i molti diventeranno Uno.

Il punto di svolta cruciale sarà il 2012. E noi ci stiamo semplicemente preparando a questo, ma se in tutto questo tu dimentichi il Divino, ogni cosa è perduta. Se segui solo gli insegnamenti, non ti porteranno da nessuna parte. Tutti gli insegnamenti devono essere accompagnati dalla Grazia. E il Divino è quello che dà la Grazia, attraverso il Diksha o Benedizione. A meno che non colleghiamo questi due, non succede nulla; ci perdiamo tutto.





Domande fatte a Bhagavan durante un Darshan, Deepening di aprile a Golden City

1. Che differenza c'è tra la Penso-sfera ed i pensieri? Tu hai detto anche che la Mente è molto antica: puoi spiegare?

Bhagavan: La Mente è la Penso-sfera, ed è molto antica. E' la stessa mente dei popoli preistorici. E' piena di desideri: nell'antichità desideravano una spada, oggi si desidera un'automobile o un aereo. Prendete la paura. E' sempre la stessa cosa: l'uomo preistorico aveva paura della tribù rivale, l'uomo moderno ha paura del crollo della Borsa. I pensieri entrano dal 6°Chakra (Agnya) ed escono da un punto della nuca, chiamato Bindu. Noi inspiriamo ed espiriamo i pensieri, che stanno nelle registrazioni Akashiche. L'Akasha contiene la registrazione di tutti i pensieri, che sono stati pensati. I mistici possono realmente vedere questi pensieri. Per esempio se c'è un pensiero di gelosia, che vi arriva da qualcuno vicino a voi: mentre si sposta, un mistico può realmente vederlo come una rosa rossa. Come per i pensieri, anche il corpo non è cambiato molto dall'antichità: abbiamo ancora lo stesso tipo di corpo.

2. L'insegnamento di questa settimana è: "il Risvegliato non cerca di controllare il futuro. Il non-Risvegliato cerca di controllare il futuro". Ce lo puoi spiegare?

Bhagavan: Il Risvegliato non cerca di controllare il futuro, perchè l'Intelligenza Cosmica fluisce in Lui. Il non-Risvegliato vuole sempre controllare e pianificare tutti gli aspetti del suo futuro. In realtà il futuro è molto più luminoso per il risvegliato (anche se non pianifica, ndt). Ma, finchè non siete Risvegliati, non cercate di fare come Lui. Voi dovete pianificare il futuro, altrimenti neanche Dio vi potrà aiutare. (risata)

3. Abbiamo imparato che esiste una Coscienza Collettiva, ci puoi spiegare?

Bhagavan: La divina Coscienza Collettiva può manifestarsi in qualsiasi forma, ed anche senza forma. Si è manifestata come Buddha, Cristo, o senza forma per l'Islam, o può manifestarsi come Luce. Ognuna di queste manifestazioni ha le sue proprie qualità. Noi, AmmaBhagavan, siamo molto amichevoli (risata di B. e di tutto il gruppo)

4. Può un ateo risvegliarsi?

Bhagavan: Sì

4 bis. E cosa possiamo fare per aiutare la gente? e quando finiranno le guerre?

Bhagavan: Voi potete aiutare la gente con il Diksha, e quando abbastanza persone sulla Terra saranno Risvegliate, tutte le guerre cesseranno automaticamente.

5. Con tutto il rispetto, Bhagavan, com'è la tua giornata normale?

Bhagavan: Faccio colazione e cena. Non mangio a pranzo. Mangio molta frutta e verdure, ma pochi vegetali in foglie (insalata). Questo per quanto riguarda il cibo. Passo del tempo passeggiando con i Dasa, poi mi collego coi miei devoti, in tutto il mondo, e mi focalizzo sui loro problemi. Cerco di risolvere i loro problemi. Non so molto dell'India e non so nulla del mondo.

6. Ho un problema quando vedo i mendicanti, in città. Se do loro dei soldi li spingo a continuare a mendicare. Se non dò niente, mi sento in colpa. Cosa devo fare?

Bhagavan: Segui sempre il tuo cuore.

7. A cosa servono i tuoi insegnamenti? Dobbiamo praticarli? E c'è una qualche scorciatoia per risvegliarsi rapidamente?

Bhagavan: Gli insegnamenti servono per farvi capire. Non possono essere praticati. Se non senti l'amore, non puoi praticare l'amore. Per quanto riguarda il Risveglio, la gente, le persone semplici, si risvegliano in 3 minuti. Potrebbe essere più veloce? (risata). Sono persone semplici, come muratori, vasai, contadini, ecc... Non sono istruiti. Molti di loro non hanno mai letto un libro. Il vostro problema è che siete troppo complicati. E' per questo che vi dobbiamo triturare in 28 giorni, perchè tutto quello che avete imparato ed accumulato è un ostacolo.

8. Tu dici che il Risveglio ha a che fare con l'innalzamento della Kundalini.

Bhagavan: La Kundalini può alzarsi in molti modi: per esempio, quando diventi consapevole che il rapporto con i tuoi genitori non è molto buono, quella semplice consapevolezza può far salire la Kundalini ed il cuore può iniziare a fiorire.

9. Bhagavan, vogliamo tutti far parte dei 70.000, ci puoi aiutare?

Bhagavan: Ci entrerete tutti. (sorriso)

10. Le donne hanno un ruolo speciale nel Risveglio dell'Umanità?

Bhagavan: Sì, hanno un ruolo speciale. In realtà sono le donne che producono la trasformazione del mondo. Per questo diciamo AmmaBhagavan e non BhagavanAmma. (risata)





Bhagavan, noi non riusciamo a stare concentrati durante la meditazione o le preghiere; che consigli ci puoi dare per migliorare la nostra concentrazione mentre preghiamo, e mantenere il controllo sui pensieri?

BHAGAVAN: nella Oneness, noi facciamo esattamente il contrario: non cerchiamo di controllare i pensieri. Prima di tutto perché non crediamo che esista un controllore. Per noi, il controllore è un'illusione: cioè, noi non esistiamo, è solo un'illusione. Quando l'illusione se ne va, tu diventi Risvegliato/Illuminato. Quindi qui non c'è neanche l'idea di un controllore. Tutto quello che vi chiediamo è: "per favore, osserva costantemente i tuoi pensieri". Stranamente, se continui ad osservarli, loro non ti disturbano più, e allora nasce una concentrazione naturale. Diciamo che tu sei concentrato su un qualche oggetto: siccome ora hai imparato ad osservare i tuoi pensieri, essi rallentano e non ti disturbano più. Quindi riesci ad osservare quell'oggetto in modo molto più attento, e così facendo, naturalmente, la capacità di concentrarsi migliora. Per noi la meditazione è qualcosa che accade, la concentrazione è qualcosa che accade. Tu non devi meditare, tu non devi concentrarti. Non è che sia sbagliato farlo. Questo è un modo di rapportarsi alla consapevolezza della mente, ma il nostro modo è diverso. Siccome noi siamo completamente focalizzati sul Risveglio e sull'Illuminazione, sentiamo che quel tipo di concentrazione diventa un ostacolo. Va bene per altri scopi, ma non vi aiuta a diventare Risvegliati. Quindi noi pratichiamo quel tipo di consapevolezza, grazie alla quale otteniamo una concentrazione naturale e, nello stesso tempo, ci risvegliamo. Quello che dovete imparare ora è 'osservare voi stessi'. La Oneness è tutta sull' osservare se stessi, stare con quello che c'è. Questa è Oneness.





L'Antaryamin

SRI BHAGAVAN: Una volta che sei entrato in contatto con le tue emozioni represse, se inviti l'Antaryamin, con tutto il cuore, Lui si risveglierà in te, nel modo che Lui sceglierà o nella forma che tu desideri. Tutto quello che devi fare è: partendo dal cuore, con emozione, con grande sentimento, sentendoti in connessione, con affetto, Lo devi invitare, e Lui si risveglierà in te. Non è per nulla difficile. Tu pensi che sia difficile ed hai un sacco di percezioni sbagliate. L'Antaryamin non si preoccupa del tipo di persona che tu sei. Lui è tuo amico, perciò non ti giudica e non ti condanna. Tutto quello che vuole è che tu lo inviti con sentimento e con un senso di connessione.





TU SEI IL MAESTRO E L'INSEGNAMENTO

Domanda: Ci dici che l'integrità interiore è fondamentale per il risveglio spirituale. Ma quando la pratichiamo si vede che siamo la stessa persona egoista che eravamo. Allora come ci aiuterà questa pratica per contribuire al nostro risveglio? Nonostante il processo e gli insegnamenti troviamo sempre più bruttezza. La realtà ci dimostra che ciò che amiamo oggi è ciò che noi tradiamo domani. Allora come si fa a fermare questa bruttezza dall'influenzare la nostra condizione per proseguire? Come possiamo far fiorire il nostro cuore invece di farlo deperire?

Sri Bhagavan: Vedi, questo è esattamente il problema. Hai già condannato questa bruttezza. E stai dicendo che deve cambiare. Come sei arrivato a questo punto? Si tratta di tutte le domande sbagliate. Tutto ciò che stiamo dicendo è: non è né brutto né bello. Questo è il problema. La mente divide per natura perché la mente non è altro che un flusso di un pensiero.

E cos'è un pensiero? Il pensiero è misura. Cosa fai quando misuri? Dividi. E' dividendo il brutto e il bello. E' dicendo questo non dovrebbe essere lì che deve accadere. È lì che sei arrivato. Questo è esattamente ciò che l'insegnamento sta dicendo: per favore cerca di capire che il contenuto non è mai importante! Qualunque sia il contenuto è ininfluente. Non è il "tuo" contenuto o il "suo" contenuto. Si tratta di un contenuto della coscienza collettiva. E' solamente lì. Tutto ciò che stiamo dicendo è non cercare di manometterlo per favore.

Cos'è l'integrità interiore? L'integrità interiore è solo vedere ciò che c'è. Non cercare di condannare come buono o cattivo, giusto o sbagliato o dare spiegazioni o dire "come dovrebbe essere nel 2012?" Cosa devo cambiare? Sono ancora egocentrico. Sono ancora brutto. Sto ancora lottando. Chi ti chiede di lottare? Chi ti chiede di cambiare? Niente affatto. Tutto ciò che stiamo dicendo è per favore osserva cosa sta succedendo. E' molto vivo dentro di te. In ogni attimo cambia. E' vivo come un oceano. Le onde vanno e vengono, salgono e scendono. Le tue onde - tutte le onde se ne vanno. Allo stesso modo i pensieri arrivano e se ne vanno. Le emozioni arrivano e se ne vanno, le personalità emergono e se ne vanno. Tutto il dramma ha luogo dentro di te. Non sei nient'altro che l'universo. Stiamo solo dicendo: per favore non condannarlo. Non tentare di cambiarlo.

C'è egoismo. Sì. Non è il 'tuo' egoismo. Non è il 'suo' egoismo. E' egoismo. La sofferenza non è la "tua" sofferenza. La sofferenza è sofferenza se ce l'hai tu o ce l'ha un'altra persona. Siamo tutti un'unica persona. E' qui con noi da milioni di anni. E sarà così fino a quando il cervello cambia. Allora, sei egoista. Sì. Questa è la verità. Sei un immondezzaio e una fognatura. Sei un immondezzaio e qualcun altro è una fognatura. Questo è quello che abbiamo nella coscienza collettiva. E' lì. L'avete raccolto nel corso di milioni di anni. Nulla si può fare al riguardo.

Non vi sto chiedendo di diventare santi. Niente affatto! Voglio che diventiate saggi. Chi è un saggio? Egli non pensa a ciò che è giusto o sbagliato. Risponde solo alla vita - questo è tutto. Può essere violento in un momento e può essere pacifico in un altro momento. Ti può aiutare in un momento e può non aiutarti in un altro momento. Risponde solamente alle situazioni che si presentano. Egli vede l'azione perfetta. Non puoi chiamarla un'azione buona o una cattiva azione o giusto o sbagliato. Lui solamente risponde. E non torna indietro e pensa se è stata una cosa giusta o una cosa sbagliata. Continua a rispondere. Sta solo vedendo cosa sta succedendo. Il contenuto non è importante per lui.

Quindi, per favore guarda la tua bruttezza. E poi presto smetterai di chiamarla bruttezza. Potrebbe apparire anche molto bella. Ciò che appare utile potrebbe sembrare anche brutto. Pertanto, è necessario avere una posizione neutrale. Non è che si prende una posizione neutrale. Deve diventare neutra. Non che ti comporti come un illuminato. No. Devi essere illuminato. Non che ti comporti come una persona risvegliata e lo fai sforzandoti. Se fai così non ci arriverai mai. Il problema è che partecipi al livello 1, al livello 2, questo e quello e poi tutto questo diventano concetti. E poi vuoi arrivare. Vuoi raggiungere l'obiettivo. E poi sei condannato. Non c'è niente da raggiungere, nessun posto dove andare. Tutto è perfetto. Vedere le cose che sono perfette. E che cosa ti aiuterà? L'integrità interiore. Più vai in profondità, più diventa facile. E questo è molto divertente perché il conflitto cessa. Poiché l'integrità interiore è solo vedere quello che c'è. Non menti a te stesso. Va bene mentire a qualcun altro.

Ma il problema è che spesso menti a te stesso. Menti continuamente a te stesso perché non vuoi vedere cosa c'è, perché pensi che sia brutto. Chi ha detto che è brutto? Alcuni insegnanti? Alcune Scritture? Beh, non hai niente a che fare con tutto questo. E' solo lì. Questo è tutto. Questa è la verità. Come si può giocare con la verità? Non si può manomettere la verità. La verità è questa, sì, sei egoista. Ma perché lo chiami egoismo? Perché parli di egoismo? Perché dici che è brutto? E' solo lì. E non ti puoi controllare.

Quindi, se vuoi andare più in profondità tutto diventa naturale tutto diventa automatico. Non c'è bisogno di cambiare. Che cosa succede allora? Per favore fallo e vedrai. Se ti dico qualcosa ti porterà nuovamente ad un concetto. Fallo e basta - non è difficile. Inizia con il tuo respiro attraverso l'inspirazione e vai dentro solo a vedere cosa sta succedendo.

Non leggere le Scritture o qualsiasi insegnamento - nemmeno il mio insegnamento. Guarda cosa sta succedendo. Questo è tutto. Tu sei il maestro. E l'insegnamento è il tuo sé. L'insegnamento è lì proprio dentro di te. Quello che accade dentro di te è il vero insegnamento. Niente di più. Quindi, se io ti do un insegnamento e ne fai un concetto non stai andando da nessuna parte. Ti sto solo dando qualche aiuto. Questo è tutto. Gli insegnamenti devono provenire dall'interno, dalla tua osservazione di quello che vedi. Poi è necessario parlarne. Poi vedrai che ha potere.

Vi amo tutti. Namaste. Grazie. Vi ringrazio tanto.





Skype di Bhagavan con la Russia - 21 marzo 2012

D - Dalla fine del Deepening le mie energie si sono sistemate, ma ora mi trovo nella situazione che non so come realizzarmi nella vita: sto cercando di ascoltare e capire il mio cuore, scegliere la giusta direzione, ma ho l'impressione di essere in trappola e non poterne uscire. Questo mi crea sofferenza e delusione nella vita.

R - Questa OM, messa a disposizione nel 2012, è un processo molto speciale. Tutto quello che vi è successo finora è stato una preparazione. Tutto quello che dovete fare è di partecipare a 5-6 OM. I vostri problemi saranno risolti. Questo si applica a tutti coloro che sono bloccati da qualche parte. Tutti riusciranno a raggiungere i loro obiettivi grazie alla OM. Tutto quello che vi è successo è una preparazione per questo.

D - Da quando ho cominciato a ricevere e poi a dare io stesso il Diksha, mi trovo in una terribile condizione, a volte sento intenso disgusto e odio verso la vita, e questi stanno aumentando. Come mi devo comportare?

R - Il tuo processo è arrivato ad un punto tale che, se partecipi a 6-7 OM, sarai presto risvegliato.

D - Quando chiediamo la realizzazione di qualcosa nelle nostre preghiere, è sufficiente chiedere al Divino solo una volta o è necessario chiedere in continuazione, finchè la richiesta è soddisfatta?

R - E' sufficiente chiedere una volta, ma è importante che annotiate le vostre preghiere in un libretto, per controllare poi se ricevono risposta oppure no. Se una preghiera non riceve risposta, non dovete ripeterla, ma fare una nuova preghiera. Dovete usare gli insegnamenti per formulare la preghiera in modo corretto. Ogni preghiera, formulata in modo corretto, troverà risposta.

D - Se non prego costantemente per il mio Risveglio, mi sembra che il processo si fermi. E' così?

R - Non c'è bisogno che tu continui a chiedere il Risveglio, perchè il processo è già avviato per tutti voi. Magari non ne siete consapevoli, ma sta continuando e, per la fine del 2012 la maggior parte delle persone sarà Risvegliata o perlomeno in stati di Risveglio.

D - Bhagavan, perchè mi viene tanta malinconia e tristezza, mi scendono le lacrime, quando vedo che niente cambia. Mi sembra di essere buona a nulla e che tutta la mia speranza di Risveglio sia solo una fantasia. Da dove viene tutto questo?

R - In realtà, tu sei pronta per il Risveglio.

D - Riguardo la nostra Integrità, mi è tutto chiaro, ma non mi è chiara l'integrità interiore. Tu ci hai detto che se pratichiamo l'integrità interiore, questo ci aiuterà a diventare Illuminati. Cos'è questa integrità interiore? Vuol dire non mentire a se stessi? Non infrangere regole? E se ne infrangiamo qualcuna non ci dobbiamo giustificare. E se non riusciamo a controllare tutto questo? Da quanto ho capito, l'integrità interiore è l'aspetto più importante: praticandola possiamo cambiare le nostre vite. Ci puoi parlare dell'integrità interiore, in dettaglio?

R - Integrità interiore è vedere quello che succede dentro di voi, senza che la mente giustifichi.

D - La mia evoluzione spirituale influenza i miei cari?

R - La tua evoluzione spirituale non influenza solo i tuoi cari, ma anche un grande numero di persone, che non conoscerai mai.

D - Ho 61 anni. Potrebbe questa essere una ragione per cui la mia mente non si può più sganciare e il testimoniare la mente non mi succede mai. Cosa dovrei fare per aiutarmi a sviluppare la concentrazione? Quando ho dei problemi, vengono silenzio e serenità, ma questo non mi rende amorevole e nè piena di compassione, ma piuttosto indifferente ai problemi degli altri. Cos'è che sbaglio nel momento in cui faccio queste esperienze?

R - Non devi fare assolutamente nulla. Per favore partecipa alle OM: il Divino sicuramente ti aiuterà.

D - Perchè tutti i dottori, guaritori e le pratiche che ho intrapreso, non sono riusciti a guarirmi? Perchè niente cambia nella mia vita, come se non avessi una vita. Non succede nulla e nulla è cambiato in anni e decenni. C'è come un muro che non riesco a rompere. Mi sembra di vivere la vita di qualcun altro, di avere le malattie di qualcun altro, di essere ossessionato dai pensieri ed emozioni di qualcun altro. Mi sento uno zombie un bio-robot, non un essere umano. Non vedo nessuna vera speranza, nella mia vita. Per quanto andrà avanti?

R - Cambierà tutto molto, molto presto.

D - Perchè non sono ancora avvenuti quei grossi cambiamenti che erano stati predetti? Si vede solo un vago interesse verso il Diksha e la Oneness. Quando partecipano ai corsi, le persone sono deliziate, ma poi tornano nei loro gusci. Cosa posso fare?

R - Le cose stanno iniziando a cambiare in tutto il pianeta: sempre più persone si stanno risvegliando, molto in fretta.

D - Mi vengono molti differenti dubbi, ci lavoro su, come tu ci hai insegnato, e loro se ne vanno, ma c'è un dubbio o piuttosto una paura che non se ne va: cosa fare se tutte quelle cose, che ci aspettiamo per il 2012, non si verificano? Cosa fare se tutto rimane uguale ad ora? Questi intrighi finanziari, che ci rendono dipendenti, la totale schiavitù dell'uomo, queste guerre e problemi senza fine? Cosa fare se non succede niente nè a me nè al pianeta? Ti chiedo una risposta. Scusami per la mia impazienza, ma non vedo l'ora che arrivi la fine dell'anno.

R - Il nostro obiettivo per il 2012 è che 70.000 persone si risveglino. Sembra che ce la faremo entro la fine dell'anno. Il genere di cambiamenti, che tu chiedi, succederanno da lì in poi.

D - Potremo risvegliarci solo quando riusciremo a sperimentare tutte le cariche (emotive)?

R - Al centro del vostro essere c'è paura. Anche se dico paura, in realtà sono migliaia di paure. Una paura si potrebbe tradurre come 'cancro'. Ora se dissolviamo quella paura, il cancro sparirà. Se dissolvessimo quella paura in un minuto, il cancro sparirebbe in un minuto. Se ci vorranno 6 mesi per dissolvere quella paura, allora il cancro ci metterà 6 mesi per sparire. Lo stesso meccanismo si può applicare a tutti i disturbi. Non solo a quelli, ma anche a tutti i problemi. Una paura particolare si tradurrà in problemi finanziari. Un' altra paura in problemi di relazione. Qualche paura vi impedisce di risvegliarvi. Queste paure non sono altro che cariche. Non è necessario liberarsi da tutte le cariche, per risvegliarsi. Bisogna liberarsi solamente da quelle paure, che vi impediscono di risvegliarvi. Una volta che quelle paure si dissolvono, voi diventate Risvegliati. Infatti, tutte le volte che noi vi aiutiamo coi problemi di salute o finanziari, noi dissolviamo quelle paure, col Diksha o altri metodi. Per esempio le Homa sono un modo per dissolvere queste paure. Quindi non è necessario liberarsi da tutti i traumi, per essere Risvegliati.

D - Ora abbiamo l'aiuto delle OM, ed io vi partecipo con tanta gioia. Qualcosa di meraviglioso mi accade durante questi nuovi potenti Diksha. Grazie mille per questo. Puoi dirci qualcosa di più, riguardo queste OM. Come vedi tu questo nuovo processo, e come ci aiuta nel Risveglio? Come possiamo noi aiutare questo processo, anche se non siamo iniziati? Dobbiamo partecipare anche ai corsi Awakening ed agli altri corsi della Oneness? O è sufficiente partecipare solamente alle OM? E se sì, con quale frequenza?

R - Quelli che tengono le OM non sono scelti dai Dasa, non sono scelti dalla Oneness, non sono scelti da AmmaBhagavan. Tramite un processo molto speciale, sono stati scelti direttamente dal Divino. Finora solo poche persone sono state scelte. Persino delle persone Risvegliate non sono state scelte. Noi non sappiamo su quali basi il Divino scelga, ma tra tutti i prescelti, il vostro paese ha il numero di OM Giver più alto. Se siete ben preparati, con una sola OM vi potrete Risvegliare. Ma anche se non siete ben preparati, con 6-7 OM potrete diventare Risvegliati. Dapprima entrerete in stati di Risveglio e, dopo 6 mesi, molti saranno completamente Risvegliati. Ogni mese faremo questo processo speciale, in cui il Divino potrebbe rivelare nuovi nomi. La scelta non è basata sulle vostre qualità o qualificazioni. Noi non abbiamo assolutamente nessun ruolo in queste scelte. E' il Divino che vi sceglie ed è il Divino che fluisce attraverso di voi. Ed è il Divino che fa tutto. Comunque ce la farete tutti, presto, non preoccupatevi.

D - Per quanto riguarda le OM, qual'è la differenza tra le esperienze di chi trasmette e di chi riceve? Dobbiamo pregare durante la OM?

R - Tutto quello che dovete fare è avere un senso di sacralità e continuare a fissare negli occhi il Giver. Tutto lì.

(Questa domanda è fatta da German, OM Giver) - C'è così tanto silenzio ed una magnifica gioia silenziosa, dentro di me. L'intero processo rimane un mistero incomprensibile per me. Grazie per questo nuovo Diksha, in cui tutti noi partecipiamo. Grazie per questo nuovo grande processo collettivo. Ognuno lo sperimenta in maniera del tutto personale. Infinita gratitudine a te Bhagavan. Sempre più persone partecipano a questi eventi e sempre più persone aiutano ad organizzarli e a gestirli. E' molto facile organizzarli e condurli, perchè la maggior parte del lavoro viene fatto dal Divino, ma poi la restante parte viene fatta dagli organizzatori. Puoi aiutarli e spiegare loro qual'è il modo migliore per preparare le persone prima di questa Meditazione? Cosa devono dire? Su cosa si devono concentrare quando preparano i partecipanti? Magari ci puoi dire che cosa succede durante la OM e come questa aiuta il processo di Risveglio.

R - Se i partecipanti potesse contemplare e rivedere la loro vita, per una mezzoretta, sarebbe molto utile.





Sri Bhagavan: "La gente sogna ad occhi aperti.

E' completamente avviluppata nei pensieri. Tutto il tempo sogna ad occhi aperti. E così si perde il momento. Solo un attimo dopo si è consapevoli di quello che è successo, e questo non serve. Dovrebbe essere quasi immediato. E' così che si è, da risvegliati. Al presente voi siete profondamente addormentati. Essere risvegliati è essere illuminati. Quindi annotatevi questa cosa molto accuratamente "qualunque cosa succede, non è per nulla importante".

Sia che guardate in un microscopio, sia che guardate in un telescopio, quello che vedete non è importante. State vedendo? Questo è tutto. Se voi pensate "ci dovrebbe essere questo, ci dovrebbe essere quello" non state per nulla vedendo.

Semplicemente osservate! E non pensate che sta per succedere qualcosa, perchè il vedere è l'avvenimento! Se riuscite a vedere, è fatta. Vedere è tutto quello che un essere umano può fare. Se fate questo, tutte le cose, di cui abbiamo parlato, sono naturali conseguenze. Vedere è l'inizio di tutto ed è anche la fine di tutto. Chi vede è un veggente. Questo è tutto. Ed io vi aiuterò in questo."





MESSAGGIO DA SRI BHAGAVAN - 19 marzo 2011

Risvegliatevi al vostro destino, cioè quello per cui siete qui… è nella natura della creazione mantenere misterioso il futuro…
Comunque quello che dovreste fare nel vostro futuro, lo dovete decidere voi. Arrendersi non implica pigrizia.

Voi avete la forza e la capacità di fare le vostre scelte. Usate tutte le opportunità che vi si presentano: vi aiuterà a raggiungere gli obiettivi desiderati. Per un futuro glorioso il desiderio deve fiorire nella passione e manifestarsi nell'azione. La vostra attenzione deve essere focalizzata sul vostro obiettivo.

Arrendersi al Divino non significa non agire. Questo è "Karma bhumi" il pianeta dell'azione. Per cui lo sforzo, nel mondo esterno, è inevitabile.

La mia grazia vi accompagnerà nei vostri sforzi.

Trasformare il mondo non è responsabilità solo dei saggi e dei veggenti. Creare un mondo migliore è responsabilità di ciascuno di voi. In questa lotta per la sopravvivenza…l'innocenza, l'amore e i valori sono stati perduti.

Siete voi che dovete sostenere questi valori.

Non consideratevi esseri ordinari.

Ognuno di voi ha in sè l'infinito potere del divino.

Voi avete il potere di vedere Dio nel cuore di ogni essere umano, e una volta cominciato a vedere il Divino in ogni uomo, sarete capaci di amare ogni essere vivente, ogni individuo. Tramite voi il potere di Dio fluirà nel mondo. Grazie a voi l'intero mondo potrà essere risvegliato. L'atto di prendervi questa responsabilità è l'inizio dell'Età dell'Oro.



Grazie dal cuore a Simonetta de Robertis, Carlo Galbiati ed Elisabetta Marsonet per le traduzioni










logo Oneness University Padukaswww.OnenessUniversity.org


Logo Oneness Italiawww.OnenessItalia.org



****************************************

Sri Bhagavan
multiple Eye Deekshas
Sri Bhagavan

****************************************

SACRED TEMPLE
ONENESS UNIVERSITY
Sacred Temple

****************************************

ONENESS UNIVERSITY
3 WEEK DIVINE DEEPENING
Divine Deepening

****************************************

ONENESS UNIVERSITY
Oneness University

****************************************

AWAKENING CHANT
by SRI BHAGAVAN
Awakening Chant

****************************************

Paola Eleonora Raschellà - Turate (CO)
Oneness Advanced Trainer
Email:paoeleo@gmail.com